Guida intermediari sez. e

Come diventare Intermediario Assicurativo (sezione E):

  • – Modalità di iscrizione al RUI (vademecum punto per punto)

    – Iscrizione al RUI Sezione E (articoli del Regolamento)

    – Formazione Professionale

    – Copertura assicurativa della Responsabilità Civile

    – Regole di Comportamento


Modalità di iscrizione al RUI

1. Il soggetto da iscrivere deve recarsi al tribunale per richiedere il proprio casellario generale e i carichi pendenti (per i requisiti di onorabilità); il tempo di evasione della richiesta è di 24 ore;
2. il soggetto deve consegnare casellario generale e carichi pendenti all’agente;
3. l’agente deve erogare la formazione di 60 ore (di cui almeno 30 in aula, videoconferenza o FAD interattiva*);
4. il soggetto deve superare l’esame finale (scritto a risposta multipla) per ottemperare ai requisiti di professionalità;
5. richiedere il nulla osta della mandante, che lo conferisce dopo aver accertato la presenza dei requisiti di professionalità e onorabilità;
6. il soggetto deve versare 168 euro (Tassa di Concessione Governativa) una tantum all’Agenzia delle Entrate;
7. l’agente deve compilare l’allegato 1H e mandarlo con raccomandata all’ISVAP (scarica l’allegato 1H).

Dopo aver mandato la raccomandata è necessario aspettare fino a 90 giorni per la trascrizione del nominativo sul registro (l’Isvap infatti ha 90 giorni di tempo per la trascrizione), durante i quali il soggetto da iscrivere può lavorare solo all’interno dei locali dell’agenzia, senza avere contatti diretti con i clienti, senza poter emettere quietanze o polizze né incassare premi o occuparsi di sinistri.

FAD INTERATTIVA: Formazione a distanza con lezioni audio/video abbinate a tecniche interattive, ufficialmente equiparate all’aula dall’ISVAP, con comunicazione ufficiale successiva al Regolamento n. 5 (vedi FAQ Isvap, sesto gruppo).


Iscrizione al RUI Sez. E

ISCRIZIONE DI NUOVI ADDETTI DI INTERMEDIAZIONE FUORI DAI LOCALI DELL’INTERMEDIARIO (art. 21)
Gli addetti all’attività di intermediazione al di fuori dei locali dell’intermediario iscritto nelle sezioni A, B o D per il quale operano, inclusi i dipendenti e i collaboratori di tali addetti e subagenti che, alla data del 1° gennaio 2006, non esercitavano attività di intermediazione corrispondente a quella per la quale è prevista l’iscrizione alla sezione E devono iscriversi secondo le seguenti condizioni:

1. Gli addetti all’attività di intermediazione al di fuori dei locali dell’intermediario iscritto nelle sezioni A, B o D per il quale operano, inclusi i dipendenti e i collaboratori di tali addetti, ai fini dell’iscrizione nella sezione E del registro devono:
a) essere in possesso dei requisiti di cui all’articolo 110, comma 1, del decreto;
b) non essere pubblici dipendenti con rapporto di lavoro a tempo pieno ovvero a tempo parziale quando superi la metà dell’orario lavorativo a tempo pieno;
c) essere in possesso di cognizioni e capacità professionali adeguate all’attività svolta ed ai contratti intermediati, acquisite mediante la partecipazione a corsi di formazione conformi ai criteri previsti dall’articolo 17, comma 2, tenuti od organizzati a cura degli intermediari per i quali operano o delle relative imprese preponenti. Ai fini dell’esercizio dell’attività di intermediazione riassicurativa o di collocamento di forme pensionistiche complementari, l’oggetto dei corsi di formazione deve essere integrato con nozioni specifiche relative all’attività da svolgere, che abbiano riguardo, rispettivamente, alla disciplina del contratto di riassicurazione e dell’impresa di riassicurazione o alle norme sulla previdenza complementare.

2. Nella domanda di iscrizione al registro, l’intermediario che si avvale dei soggetti di cui al comma 1 attesta il conseguimento da parte degli stessi della formazione professionale e di avere accertato il possesso dei requisiti previsti dal comma 1, lettere a) e b). Per tali ultimi requisiti, è considerato idoneo l’accertamento effettuato sulla base di documentazione con data non anteriore ai novanta giorni precedenti la data di trasmissione all’ISVAP della domanda di iscrizione.

Per ulteriori delucidazione si rimanda all’articolo 21 del Regolamento.

Nella Sezione “ACQUISTA CORSI ONLINE” sono disponibili corsi FAD di formazione assicurativa permanenti per l’iscrizione alla sezione E, C del RUI acquistabili immediatamente on-line. Per maggiori informazioni contatti direttamente R&B Consulting all’199.44.62.83.


ISCRIZIONE DI ADDETTI DI INTERMEDIAZIONE FUORI DAI LOCALI DI
INTERMEDIARIO GIA’ OPERANTI (art. 70)

Per gli addetti all’attività di intermediazione al di fuori dei locali dell’intermediario iscritti nelle sezioni A, B o D per il quale operano, inclusi i dipendenti e i collaboratori di tali addetti e i subagenti che, alla data del 1° gennaio 2006 esercitavano l’attività di intermediazione corrispondente a quella per la quale è prevista l’iscrizione alla sezione E devono iscriversi secondo le seguenti modalità:
1. I soggetti che, alla data del 1° gennaio 2006, esercitavano attività di intermediazione corrispondente a quella per la quale è prevista l’iscrizione nella sezione E del registro, possono essere iscritti in tale sezione a condizione che:
a) siano in possesso dei requisiti stabiliti dall’articolo 21, comma 1, lettere a) e b) e dall’articolo 22, comma 1;
b) siano in possesso di un’adeguata esperienza professionale, consistente nell’aver svolto in via continuativa attività corrispondente a quella della sezione E, almeno nei dodici mesi antecedenti alla data di entrata in vigore del presente Regolamento, per la quale siano stati corrisposti provvigioni o compensi con assolvimento dei relativi obblighi fiscali. Nel caso di società, il requisito deve riferirsi, oltre che a quest’ultima, anche al responsabile dell’attività di intermediazione e a ciascuno degli addetti a tale attività;
c) venga presentata, entro il 31 dicembre 2006, dagli intermediari per conto dei quali operano, iscritti nelle sezioni A, B o D, una domanda di iscrizione secondo quanto previsto dagli articoli 63, 64, 65 e 69.
E’ in ogni caso preclusa l’iscrizione al registro, ai sensi del presente articolo, di soggetti che siano stati cancellati dall’Albo nazionale degli agenti di assicurazione o dall’Albo dei mediatori di assicurazione e riassicurazione a seguito di un provvedimento disciplinare di radiazione, salvo che non siano decorsi cinque anni dalla cancellazione.

2. Gli intermediari che intendono avvalersi dei soggetti di cui al comma 1 attestano nella domanda di iscrizione il possesso dei requisiti previsti dal medesimo comma. A tal fine:
a) in relazione ai requisiti di cui all’articolo 21, comma 1, lettere a) e b) e all’articolo 22, comma 1, lettere a) e b), è considerata idonea l’attestazione basata su documentazione con data non anteriore ai novanta giorni precedenti la data di trasmissione all’ISVAP della domanda di iscrizione;
b) in relazione al requisito di cui al comma 1, lettera b), nel caso in cui l’attività sia stata svolta presso intermediari diversi da quelli che presentano la domanda d’iscrizione, è considerata idonea l’attestazione resa sulla base di adeguate evidenze fornite dai soggetti presso i quali l’attività è stata svolta.

3. Le disposizioni dei commi 1 e 2 non si applicano ai soggetti di cui all’articolo 19 i quali, per continuare ad esercitare l’attività di intermediazione assicurativa, devono iscriversi nella sezione D, ai sensi dell’articolo 69, comma 1.

Per ulteriori consultazioni si rimanda all’articolo 70 del Regolamento.

CONSULTA IL RUI

 

Formazione Professionale (sezione E)

Gli addetti che vogliono iscriversi alla Sezione E devono partecipare a corsi di formazione di cui all’articolo 21 comma 1 lettera c), qui di seguito riportato:

1. Gli addetti all’attività di intermediazione al di fuori dei locali dell’intermediario iscritto nelle sezioni A, B o D per il quale operano, inclusi i dipendenti e i collaboratori di tali addetti, ai fini dell’iscrizione nella sezione E del registro devono:
c) essere in possesso di cognizioni e capacità professionali adeguate all’attività svolta ed ai contratti intermediati, acquisite mediante la partecipazione a corsi di formazione conformi ai criteri previsti dall’articolo 17, comma 2, tenuti od organizzati a cura degli intermediari per i quali operano o delle relative imprese preponenti. Ai fini dell’esercizio dell’attività di intermediazione riassicurativa o di collocamento di forme pensionistiche complementari, l’oggetto dei corsi di formazione deve essere integrato con nozioni specifiche relative all’attività da svolgere, che abbiano riguardo, rispettivamente, alla disciplina del contratto di riassicurazione e dell’impresa di riassicurazione o alle norme sulla previdenza complementare secondo i criteri conformi all’articolo 17 comma 2:

La formazione professionale deve mirare al conseguimento di conoscenze teoriche aggiornate, di capacità tecnico – operative e di comunicazione con la clientela. Essa è impartita dall’impresa che si avvale dei produttori diretti ed è conforme almeno ai seguenti criteri:
a) consiste nella partecipazione, nei dodici mesi antecedenti alla data di presentazione della domanda di iscrizione, a corsi in aula e/o a distanza di durata non inferiore a 60 ore annuali (di cui almeno 30 in aula, videoconferenza o FAD interattiva*);
b) ha ad oggetto nozioni normative, tecniche, fiscali ed economiche, concernenti la materia assicurativa, con particolare riferimento alla disciplina dei contratti di assicurazione e alle disposizioni sulla tutela del consumatore, nonché le caratteristiche tecniche e gli elementi giuridici dei contratti assicurativi che verranno distribuiti dai produttori diretti di cui si richiede l’iscrizione;
c) è impartita da docenti specializzati con un’esperienza qualificata nel settore assicurativo, e per docenti specializzati l’ISVAP puntualizza negli Esiti della consultazione del 16 ottobre 2006, che si parla di soggetti con un elevato livello di conosenza della materia assicurativa (anche derivante da un’esperienza qualificata nel settore) che abbiano anche le necessarie capacità di trasferimento a terzi delle cognizioni da acquisire;
d) si conclude con lo svolgimento di un test di verifica delle conoscenze acquisite, all’esito positivo del quale è rilasciato un attestato, sottoscritto dal partecipante al corso e dal responsabile della struttura che ha fornito la formazione, da cui risultino i nominativi dei docenti, il numero di ore di partecipazione al corso, gli argomenti trattati e l’esito positivo del test finale.

FAD INTERATTIVA: Formazione a distanza con lezioni audio/video abbinate a tecniche interattive, ufficialmente equiparate all’aula dall’ISVAP, con comunicazione ufficiale successiva al Regolamento n. 5 (vedi FAQ Isvap, sesto gruppo).

Per ulteriori chiarimenti si rimanda alla consultazione dell’articolo 17 e dell’articolo 21.

Gli intermediari che intendono iscriversi alla sezione E del Registro Unico sono assoggettati alla partecipazione a corsi in aula e/o a distanza di durata non inferiore a 60 ore annuali, di cui almeno 30 in aula.
I corsi prevedono il conseguimento di:
– conoscenze teoriche aggiornate, di capacità tecnico – operative e di comunicazione con la clientela;
– nozioni normative, tecniche, fiscali ed economiche, concernenti la materia assicurativa, con particolare riferimento alla disciplina dei contratti di assicurazione e alle disposizioni sulla tutela del consumatore;
– caratteristiche tecniche ed elementi giuridici su specifici prodotti del cliente.

I corsi (per l’assolvimento dell’obbligo formativo previsto dagli artt. 17 e 42 Regolamento ISVAP n.5/2006) hanno la durata di 60 ore e possono essere erogati:
– o in aula (centrale oppure sul territorio);
– o a distanza – on line, supportati da azioni di tutoraggio ed eventuale forum di discussione (per un massimo di 30 delle 60 ore totali).

A partire dal:

    • 1° febbraio 2007 per tutti i collaboratori e i dipendenti addetti all’attività di intermediazione al di fuori dei locali degli intermediari iscritti nelle sezioni A (Agente), che abbiano iniziato ad operare a partire dal 24 ottobre 2005 prima di iniziare la propria attività e per poter essere iscritti al registro

Entro il :

    • 30 settembre 2007 per tutti i collaboratori e i dipendenti addetti all’attività di intermediazione all’interno dei locali degli intermediari iscritti nelle sezioni A, a prescindere dalla data in cui abbiano iniziato l’attività,detti addetti per poter operare dovranno aver partecipato a corsi di formazione di durata non inferiore a 60 ore (di cui almeno 30 in aula o in videoconferenza), tenuti od organizzati a cura dell’intermediario o delle relative imprese preponenti. Questi operatori non beneficiano della disciplina transitoria.

o per gli addetti operanti all’interno dei locali dell’intermediario, dalla data di inizio dell’attività; in ogni caso, l’aggiornamento è effettuato in occasione dell’immissione in commercio di nuovi prodotti da distribuire o dell’evoluzione della normativa di riferimento.

 

TABELLA RIASSUNTIVA DELLA TIPOLOGIA DEI CORSI

NOZIONI CONTENUTI
Normative
  • Il contratto di assicurazione
  • Tutela del consumatore:
    – Direttiva CEE, Codice delle Ass.ni, Regolamento Isvap
    – Informativa precontrattuale
  • Adempimenti amministrativi & Privacy
Tecniche
  • Rami/Prodotti:
    – Danni, Vita, Previdenza Complementare
    – RCA
 

 

Fiscali/economiche

  • Regime fiscale dell’intermediario
  • Aspetti fiscali del premio e delle prestazioni
  • Il mercato assicurativo
  • Elementi di microeconomia:
    – Produttore di reddito
    – Consumi e risparmio delle famiglie
    – Analisi del mercato esterno di riferimento
 

Comunicazione con il cliente

  • Comunicazione interpersonale
  • Tecniche di comunicazione con il cliente
  • Modello di consulenza al cliente
  • Servizio al cliente e assistenza post vendita

Nella Sezione “ACQUISTA CORSI ONLINE” sono disponibili corsi FAD di formazione assicurativa permanenti per l’iscrizione alla sezione E, C del RUIacquistabili immediatamente on-line. Per maggiori informazioni contatti direttamente R&B Consulting all’199.44.62.83.

Copertura assicurativa della RC

I soggetti da iscrivere al RUI, sia persone fisiche che società, sono inclusi nella copertura assicurativa della polizza stipulata dall’intermediario per il quale operano iscritto nella sezione A o B, il quale provvede ad attestare tale inclusione nella domanda di iscrizione.

Per ulteriori chiarimenti si rimanda alla consultazione dell’articolo 23. 


Regole di comportamento

Il 30 giugno 2007 è scaduto il periodo di tempo lasciato dal Regolamento ISVAP n. 5/2006 agli operatori per adeguarsi alle disposizioni di cui agli artt. 47, comma 3, 48, 49, 50, 51, 52, 53, 55, 56, 60 e 61 del medesimo Regolamento.

Secondo l’Art. 47 gli intermediari devono:
a) comportarsi con diligenza, correttezza, trasparenza e professionalità nei confronti dei contraenti e degli assicurati;
b) osservare le disposizioni legislative e regolamentari, anche rispettando le procedure e le istruzioni a tal fine impartite dalle imprese per le quali operano;
c) acquisire le informazioni necessarie a valutare le esigenze assicurative e previdenziali dei contraenti ed operare in modo che questi ultimi siano sempre adeguatamente informati;
d) agire in modo da non recare pregiudizio agli interessi dei contraenti e degli assicurati.

Gli intermediari inoltre sono tenuti:
1. alla tutela degli interessi dei clienti (art. 48);
2. a dare l’informativa precontrattuale e le modalità dell’informativa stessa (artt. 49, 50 e 51);
3. a fornire l’adeguatezza dei contratti offerti e la documentazione da consegnare ai contraenti (artt. 52 e 53) con particolare riferimento ai rami danni, considerato che nel Vita il modus operandi è già stato sufficientemente tracciato dall’ISVAP e dal mercato;
4. all’adempimento delle obbligazioni pecuniarie (art. 55);
5. alla valutazione dell’adeguatezza della polizza dei contratti collettivi (art. 56);
6. a dare l’informativa adeguata prima che il contraente sia vincolato da un contratto di assicurazione a distanzaper telefono e a rendere possibile l’identificazione dell’intermediario nonchè l’accertamento della sua iscrizione al registro qualora la stipula si verifichi via internet (artt. 60 e 61).


 

VN:F [1.9.22_1171]

Quanto ti è stato utile questo contenuto?

Rating: 2.8/10 (4 votes cast)
Guida intermediari sez. e, 2.8 out of 10 based on 4 ratings

Lascia un commento