Chi è l’intermediario iscritto nella sezione D del RUI?

Nella sezione D del registro possono essere iscritti:

  • le banche, iscritte nel relativo albo e autorizzate ai sensi dell’articolo 14 del TUB;
  • le Sim, iscritte nel relativo albo e autorizzate ai sensi dell’articolo 19 del TUF;
  • gli intermediari finanziari, iscritti nell’elenco speciale di cui all’articolo 107 del TUB;
  • gli istituti di pagamento, iscritti nell’elenco speciale di cui all’articolo 114 septies del TUB;
  • Poste italiane spa – Divisione servizi di bancoposta.

Come ci si iscrive nella sezione D del RUI?

La domanda di iscrizione nella sez. D, a pena di irricevibilità, è redatta su modello elettronico disponibile sul sito dell’IVASS, inviato a mezzo di posta elettronica certificata all’indirizzo istanze.rui@pec.ivass.it.

Nella domanda di iscrizione presentata all’IVASS, il richiedente comunica il nominativo del responsabile dell’attività di distribuzione e attesta che la società da iscrivere ha provveduto al versamento della tassa di concessione governativa prevista dalla normativa vigente e al pagamento dell’imposta di bollo.

N.B. Dall’inizio del mese di giugno sarà operativo il nuovo Portale RUI, pertanto dal prossimo 30 aprile NON sarà più possibile inviare istanze tramite trasmissione del modello elettronico (PDF intelligente) e sarà disattivata la casella PEC dedicata.


Quali sono i requisiti per l’iscrizione alla sez. D del RUI?

(art. 19 del Reg. IVASS n. 40/2018

Per ottenere l’iscrizione nella sezione D, i richiedenti devono:

  • avere affidato, tenendo conto delle dimensioni e della complessità dell’attività svolta, la responsabilità dell’attività di distribuzione assicurativa ad una o più persone fisiche aventi le caratteristiche definite all’articolo 2, comma 1, lettera qq) del Reg. 40/2018;
  • non essere partecipati in misura superiore al dieci per cento del proprio capitale in maniera tale da impedire l’esercizio dei poteri di vigilanza da parte dell’IVASS;
  • non avere stretti legami con persone fisiche o giuridiche che impediscano l’esercizio dei poteri di vigilanza da parte dell’IVASS.

Il responsabile dell’attività di distribuzione dell’iscritto in sezione D deve:

  • essere in possesso dei requisiti di onorabilità di cui all’art. 110 del Codice;
  • essere dotato di una comprovata professionalità e competenza in materia assicurativa, bancaria e finanziaria, sia teorica, ovvero acquisita attraverso gli studi e la formazione, sia pratica, conseguita nello svolgimento di attività lavorative precedenti o in corso nell’ambito dei mercati o regolamentazione finanziaria e assicurativa, assetti organizzativi e di governo societario, gestione dei rischi connessi alla distribuzione, attività e prodotti assicurativi e finanziari.

Quali adempimenti annuali spettano all’iscritto nella sez. D del RUI? 

(art. 44 del Reg. IVASS n. 40/2018)

L’iscritto nella sezione D deve assolvere al seguente adempimento annuale: