Comunicazione OAM per gli Agenti in attività finanziaria

Come è ormai chiaro, per le società di Mediazione creditizia sono state pubblicate le nuove linee guida sui controlli interni.

Allo stesso modo, anche per gli Agenti in attività finanziaria l’Organismo ha stabilito che si adottino delle misure che consentano il controllo dei dipendenti e collaboratori nell’esercizio della loro attività.

Approfondimenti

Queste misure possono riguardare anche clausole contrattuali ad hoc che assicurino un’attiva collaborazione da parte dei dipendenti. Questo soprattutto nell’ambito dell’attività di vigilanza dell’OAM nel fornire la documentazione e le informazioni richieste tempestivamente.

La Comunicazione ricorda che, in base al Testo unico bancario, “gli Agenti e Mediatori sono tenuti a garantire che i propri dipendenti e collaboratori, di cui si avvalgono per il contatto con il pubblico, rispettino la disciplina di settore a questi ultimi direttamente applicabile, rispondendo in solido dei danni dai medesimi causati nell’esercizio dell’attività, anche in relazione a condotte penalmente sanzionate”.

Le motivazioni

L’attività di vigilanza dell’Organismo è orientata a garantire il rispetto della normativa di settore da parte dei soggetti iscritti sulla base degli artt. 128-undecies e 128-duodecies del T.U.B.; tale attività è relativa anche al controllo della corretta applicazione, da parte dei dipendenti e collaboratori a contatto con il pubblico, della normativa ad essi applicabile.

L’OAM si riserva il controllo del rispetto di quanto stabilito in questa comunicazione.

Per approfondimenti e dettagli si rimanda al Comunicato stampa del 22/07/2021 e alla Comunicazione n. 28/21.


Lascia un commento