tasso bce

Previsioni per il Tasso BCE e l’Euribor: Una Guida Essenziale per i Futuri Intermediari Finanziari

Esplora insieme a RB Intermediari le prospettive attuali e future del Tasso BCE e dell’Euribor, con analisi dettagliate per i futuri intermediari finanziari.

In un contesto economico in continuo mutamento, la comprensione delle dinamiche che regolano i tassi di interesse chiave come il Tasso BCE (Banca Centrale Europea) e l’Euribor è fondamentale per i professionisti del settore finanziario, in particolare per coloro che aspirano a diventare intermediari finanziari. 

Esploriamo insieme le previsioni attuali e le tendenze future di questi indicatori cruciali, e proviamo a fare un’analisi approfondita e professionale.

Capitolo 1: Il Tasso BCE – Un Pilastro della Politica Monetaria Europea

Il Tasso di riferimento della BCE rappresenta il costo del denaro nell’area dell’euro e ha un impatto significativo sull’economia dell’Unione Europea. Questo tasso è usato come strumento di politica monetaria per influenzare l’inflazione e la stabilità dei prezzi.

Come Funziona il Tasso BCE?

Il Tasso BCE, noto anche come tasso di rifinanziamento principale della Banca Centrale Europea, influenza il costo del denaro e, di conseguenza, le condizioni di credito e prestito in tutti i paesi che utilizzano l’euro.

Il Tasso BCE infatti è l’indice che determina gli interessi che le banche devono pagare alla BCE stessa per accedere al credito. Viene stabilito mensilmente dopo una riunione dei vertici della BCE, basato su diversi parametri economici e finanziari. Il tasso viene poi confermato dalle banche centrali nazionali e dai governi dei paesi dell’Eurozona.

La BCE, in realtà, impone diversi tassi in base al tipo di operazione: il tasso di rifinanziamento principale, il tasso sulle operazioni di rifinanziamento marginale (prestiti a breve termine), e il tasso sui depositi presso la banca centrale.

Impatto sul Credito e sui Prestiti

Come abbiamo già visto, le banche utilizzano il Tasso BCE come riferimento principale per stabilire i tassi d’interesse nei prestiti ai privati e nei depositi. Questo significa che variazioni nel Tasso BCE hanno un impatto diretto sui costi dei mutui e dei prestiti, sia a tasso fisso che variabile.

Un aumento del Tasso BCE tende a rendere il credito più costoso, scoraggiando prestiti e investimenti, mentre una riduzione lo rende più accessibile, incentivando l’attività economica.

Questo tasso influisce anche sull’Euribor, l’indice per i prestiti interbancari, che a sua volta influenza i tassi dei mutui, soprattutto quelli a tasso variabile.

Variazioni e Obiettivi della BCE

Abbiamo capito che la BCE usa il tasso di interesse come strumento di politica monetaria per influenzare l’economia, con l’obiettivo di stimolare la crescita o controllare l’inflazione. Ma in che modo lo fa?

Ad esempio, durante periodi di recessione o bassa inflazione, la BCE potrebbe abbassare i tassi per incentivare il prestito e la spesa, mentre in periodi di alta inflazione, potrebbe aumentarli per controllare la crescita dei prezzi.

Storia Recente del Tasso BCE

La storia recente del Tasso BCE è caratterizzata da una serie di importanti decisioni in risposta a sfide economiche significative, in particolare l’aumento dell’inflazione e l’impatto della pandemia.

Dopo un periodo di tassi di interesse estremamente bassi, quasi vicini allo zero, necessari per stimolare l’economia e fronteggiare la crisi finanziaria del 2008 e la pandemia COVID-19, la BCE ha recentemente intrapreso un percorso di aumento dei tassi. Questa decisione è stata guidata principalmente dalla necessità di combattere l’aumento dell’inflazione, che ha visto un’accelerazione significativa, in parte a causa dell’aumento dei prezzi dell’energia e dei cambiamenti nel panorama economico globale post-pandemia.

Nel settembre 2023, la BCE ha portato il tasso di interesse al 4,5%, un livello che rappresenta il massimo storico. Questo aumento di 25 punti base è stato il decimo consecutivo, mostrando un impegno costante nel contenere l’inflazione, che si prevede rimanga elevata per un periodo prolungato. Questo aumento si è accompagnato a una revisione al ribasso delle stime di crescita per gli anni 2023-2025, segnalando le preoccupazioni per un possibile rallentamento economico.

La BCE si propone di mantenere l’inflazione a un tasso del 2% sul medio periodo, ma la situazione attuale mostra un’inflazione più elevata, con stime che prevedono un calo dell’inflazione IPCA dal 6,4% del 2023 al 2,7% nel 2024, per poi arrivare al 2,2% nel 2025. Questi numeri riflettono l’incertezza e le difficoltà che l’economia europea sta affrontando in questo periodo post-pandemia.

Le decisioni della BCE hanno ovviamente un impatto diretto sulle condizioni di credito e sui prestiti bancari, influenzando non solo le banche ma anche i cittadini e le imprese. Le banche italiane, ad esempio, sono state tra i maggiori beneficiari dei finanziamenti TLTRO III della BCE, e si prevede che la posizione di liquidità delle banche italiane rimanga solida nonostante l’attuale scenario di tassi di interesse crescenti.

Questo scenario complesso richiede un equilibrio delicato da parte della BCE, che deve gestire la necessità di contenere l’inflazione senza soffocare la crescita economica. Le decisioni future della BCE dipenderanno dall’evoluzione dei dati economici e potrebbero adattarsi di conseguenza.

Capitolo 2: L’Euribor e il Suo Ruolo nell’Economia Europea

L’Euribor, o Euro Interbank Offered Rate, è un altro indice fondamentale. Rappresenta infatti il tasso medio a cui le banche europee si prestano denaro. È un indicatore chiave per molti prodotti finanziari, compresi mutui e prestiti.

Comprendere l’Euribor

L’Euribor (Euro Interbank Offered Rate) è un tasso interbancario di riferimento vitale per i mercati finanziari europei, particolarmente rilevante per i mutui a tasso variabile e altri prodotti finanziari. Equivale alla media dei tassi d’interesse a cui le banche primarie nell’Eurozona offrono depositi interbancari a termine in euro ad altre banche primarie. Queste banche sono selezionate per la loro affidabilità e attività nel mercato monetario denominato in euro. 

Il valore dell’Euribor viene calcolato e comunicato giornalmente dalla European Money Markets Institute (EMMI) e si basa sulle quotazioni fornite da un panel di banche, che attualmente sono 19. Per il calcolo, vengono esclusi il 15% più alto e il 15% più basso dei tassi ricevuti, e la media viene poi arrotondata a tre decimali.

L’Euribor è stato introdotto nel 1999, in concomitanza con l’introduzione dell’euro come moneta nei mercati finanziari europei, sostituendo i tassi di mercato monetario usati nei singoli Paesi, come il Ribor in Italia.

D’altra parte, il Libor (London Interbank Offered Rate) è un set di tassi di riferimento basati sul mercato di prestiti interbancari, ma con alcune differenze cruciali rispetto all’Euribor. Prima di tutto, la geografia: mentre l’Euribor è basato su banche operanti nell’Eurozona, il Libor si riferisce a banche con attività a Londra. Inoltre, il Libor copre diverse valute (ad esempio, GBP, USD, JPY) inclusa l’euro, mentre l’Euribor è specifico per i prestiti in euro. C’è anche una differenza nel panel di banche che riportano i loro tassi d’interesse per il calcolo dei rispettivi tassi di riferimento.

Inoltre, l’Euribor è spesso confuso con i tassi d’interesse decisi e pubblicati dalla Banca Centrale Europea (BCE). Mentre c’è una forte relazione economica tra di loro, e la politica monetaria della BCE mira a influenzare la liquidità sul mercato interbancario (e quindi i tassi Euribor), la BCE non ha un controllo diretto sull’Euribor. I tassi Euribor si applicano alle transazioni tra le banche commerciali stesse e sono determinati dall’offerta e dalla domanda, senza coinvolgimento diretto della BCE.

In sintesi, l’Euribor e il Libor sono entrambi importanti tassi di riferimento nel mercato finanziario, ma differiscono per la loro base geografica, le valute di riferimento e il panel di banche che influenzano il loro calcolo​.

Dinamiche Recenti dell’Euribor

Le recenti dinamiche dell’Euribor riflettono significativamente le politiche della Banca Centrale Europea (BCE) e le condizioni economiche generali nell’Eurozona. Dal 2021 al 2023, l’Euribor ha mostrato un marcato aumento, passando da valori negativi a un livello significativamente più alto, segnando un cambiamento importante nel panorama finanziario europeo.

Nel dettaglio, l’Euribor a 12 mesi ha visto un incremento da -0,50% alla fine del 2021 a oltre 1,0% nella seconda metà del 2022, raggiungendo il livello più alto dal 2014. Questo aumento è stato guidato in gran parte da un cambiamento nelle aspettative del mercato riguardo alle azioni della BCE in risposta all’alta e persistente inflazione nell’area dell’Euro. 

Le aspettative del mercato per quanto riguarda i tassi di interesse della BCE hanno mostrato una significativa volatilità nel 2022, con previsioni di aumenti dei tassi di interesse a breve termine. A gennaio 2023, per esempio, l’Euribor a 6 mesi era salito a 3,863%, rispetto a -0,498% un anno prima. Ad oggi (maggio 2024) l’Euribon degli ultimi sei mesi si attesta a 3,828% mentre negli ultimi 12 mesi a 3,878%.

L’Euribor è di fondamentale importanza per la vita quotidiana delle famiglie e delle imprese nell’Eurozona, in quanto funge da indice di riferimento per una grande parte del debito privato. Più del 90% dei mutui ipotecari nelle famiglie dell’Eurozona sono a tasso variabile e legati a indici come l’Euribor. Pertanto, le variazioni dell’Euribor hanno un impatto diretto sui pagamenti mensili dei mutui e sull’accessibilità delle abitazioni.

Nel contesto attuale, il tasso dell’Euribor leggermente più alto rispetto ai mesi precedenti suggerisce che i mutui a tasso variabile e i prestiti continueranno a diventare più costosi per i consumatori dell’Eurozona nel breve termine. Gli esperti prevedono che questa tendenza al rialzo continuerà finché la BCE mantiene la sua politica di inasprimento contro l’inflazione.

Capitolo 3: Implicazioni per i Intermediari Finanziari

Comprendere le previsioni del Tasso BCE e dell’Euribor è essenziale per i intermediari finanziari, poiché questi tassi influenzano direttamente molti aspetti del mercato finanziario.

Impatto sui Prodotti Finanziari

Come anticipato, le fluttuazioni dei tassi d’interesse hanno un impatto significativo sui prodotti finanziari, in particolare sui mutui e sui prestiti. Quando i tassi d’interesse aumentano, il costo del prestito sale, rendendo i mutui e i prestiti più costosi per i consumatori. Questo può ridurre la domanda di prestiti e mutui e influenzare negativamente le decisioni di investimento e di spesa delle imprese e dei consumatori. Per quanto riguarda le strategie di investimento, in un contesto di tassi variabili, gli investitori potrebbero cercare opportunità in asset che offrono rendimenti più alti o esplorare opzioni di investimento più sicure, come i titoli di stato o i certificati di deposito, che possono offrire rendimenti più attraenti in un ambiente con tassi d’interesse più elevati​

Prepararsi alle Fluttuazioni dei Tassi

La preparazione alle fluttuazioni dei tassi d’interesse richiede un’attenta analisi e previsione. Gli investitori e i consulenti finanziari devono valutare le tendenze del mercato e gli indicatori economici per prevedere i cambiamenti nei tassi d’interesse e adattare di conseguenza le strategie di investimento. La gestione del rischio è essenziale in questo processo, e può includere la diversificazione del portafoglio e l’uso di strumenti finanziari per proteggersi contro i cambiamenti avversi nei tassi d’interesse. È inoltre importante fornire una consulenza informata ai clienti, aiutandoli a comprendere le implicazioni dei cambiamenti nei tassi d’interesse sui loro investimenti e prestiti​.

Il Ruolo del Mediatore nella Comunicazione delle Tendenze

I intermediari finanziari giocano un ruolo cruciale nella comunicazione delle tendenze dei tassi d’interesse ai clienti. La trasparenza e l’informazione sono fondamentali per aiutare i clienti a prendere decisioni informate. Devono fornire aggiornamenti regolari sulle condizioni di mercato, spiegare le implicazioni dei cambiamenti nei tassi d’interesse e suggerire strategie per mitigare i rischi. 

Previsioni per il tasso BCE e l’Euribor

Dalle recenti analisi e previsioni di esperti nel settore finanziario, emergono diverse prospettive riguardo all’andamento dei tassi BCE per il 2024.

Secondo Tomasz Wieladek, chief european economist di T. Rowe Price, la BCE potrebbe tagliare i tassi più di quanto precedentemente previsto, con una riduzione stimata tra i 150 e i 250 punti base. Questo scenario è basato sulla possibile presenza di diversi trimestri di crescita negativa o stagnante in Europa, che potrebbe portare a una recessione lieve o media prima di una ripresa verso la fine dell’anno. Tuttavia, non è escluso il rischio di un periodo di stagnazione più prolungato, in particolare se la politica monetaria della BCE dovesse rimanere troppo rigida per un tempo eccessivo​​. 

Goldman Sachs, da parte sua, negli scorsi mesi ha ridotto le sue previsioni sul tasso di riferimento della BCE per il 2024 al 3,5% e si aspetta il primo taglio del tasso di riferimento nel terzo trimestre dell’anno. Questa previsione è basata su un’inflazione core prevista più debole e altri fattori che continuano a pesare sull’euro​​.

Anche secondo l’esperto Kevin Thozet la BCE dovrebbe ridurre i tassi di interesse a giugno, con un possibile “salto” a luglio. L’esperto ha aggiunto che il rischio inflazionistico al rialzo dovrebbe essere integrato dal Consiglio, dato che l’inflazione core dei servizi rimane al 4%, i prezzi delle materie prime sono in rialzo e i rischi geopolitici rimangono elevati. Una volta superata l’estate, poi, gli scenari potrebbero cambiare ma prevede tagli in successione a partire da settembre che favorirebbero uno scenario favorevole ai mercati del credito europei.

In sintesi, le previsioni sul tasso BCE per il 2024 variano, ma si orientano verso una possibile riduzione dei tassi, in risposta a una crescita economica rallentata e a un’inflazione in calo. Tuttavia, è importante considerare che queste previsioni possono essere influenzate da numerosi fattori, inclusi sviluppi geopolitici e macroeconomici globali, e pertanto possono subire variazioni nel corso del tempo.

Conclusione

I tassi di interesse, in particolare il Tasso BCE e l’Euribor, sono indicatori chiave che ogni mediatore finanziario deve conoscere e comprendere. Mantenere un occhio sulle tendenze attuali e future non solo aiuta a prevedere le condizioni del mercato, ma fornisce anche la base per decisioni informate e strategie efficaci. RB Intermediari, con la sua offerta di corsi on demand, si impegna a fornire agli aspiranti intermediari finanziari gli strumenti e le conoscenze necessarie per navigare con successo in questo dinamico settore.

 

Scopri di più sui nostri corsi sul nostro sito www.formazioneintermediari.com/

   

Iscriviti alla newsletter e ricevi informazioni utili alla tua attività!
Aggiornamenti, notizie, offerte speciali.
L’iscrizione è gratuita e puoi annullarla in qualsiasi momento.

WhatsUp Online
Invia su WhatsApp

RB Consulting S.r.l.P.I./C.F.: 17044041006 -

Privacy Policy Cookie Policy