Guida Agenti

Sezione dedicata a coloro che vogliono intraprendere la professione di Agente Assicurativo, i quali, sparito l’Albo Nazionale degli Agenti, hanno l’obbligo di iscriversi al nuovo Registro Unico , entrato in vigore dal 28 febbraio 2007 e per i professionisti che hanno bisogno di una guida per le nuove direttive dell’ISVAP .

Come diventare Agenti:

  • Iscrizione al RUIR Sezione A
  • Prova di idoneità per l’iscrizione al RUI (Esame ISVAP)
  • Polizza di Responsabilità Civile
  • Regole di Comportamento
  • Contributo di Vigilanza Annuale ISVAP

ARCHIVIO:

  • TRASFERIMENTO AL RUIR (termini per la presentazione delle domande in base al regime transitorio scaduti il 28 febbraio 2007):
    • Trasferirsi dall’Albo Agenti al Registro Sezione A
    • Trasferirsi dall’Albo Broker al Registro Sezione B

CONSULTA IL RUI (Registro Unico degli Intermediari Assicurativi)

 

Iscrizione al RUIR sez.A

 

Tratti dall’articolo 8 i requisiti e le modalità di iscrizione delle persone fisiche nella sezione A del Registro:

1. Per ottenere l’iscrizione nelle sezioni A o B del registro, le persone fisiche devono:

a) essere in possesso dei requisiti previsti dall’articolo 110, comma 1, del decreto;
b) non essere pubblici dipendenti con rapporto di lavoro a tempo pieno ovvero a tempo parziale quando superi la metà dell’orario lavorativo a tempo pieno;
c) avere superato la prova di idoneità di cui all’articolo 9;
d) fermo restando quanto previsto dal comma 2, avere assolto l’obbligo di stipulazione della polizza di assicurazione della responsabilità civile, in conformità a quanto stabilito dall’articolo 11 e/o essere incluse nella copertura della polizza stipulata, in conformità a quanto stabilito dall’articolo 15, dalle società per le quali svolgeranno l’attività;
e) esclusivamente per l’iscrizione nella sezione B, avere aderito al Fondo di garanzia.

2. Le persone fisiche, in possesso dei requisiti previsti dal comma 1, lettere a), b), c) ed e), che nella domanda di iscrizione dichiarano di non essere in possesso della copertura assicurativa di cui alla lettera d) del medesimo comma, vengono iscritte nella sezione A o B come inoperative.

 

I requisiti e le modalità per l’icrizione sono descritte nell’articolo 8 del regolamento al quale rimandiamo per la consultazione.

 

Per coloro già iscritti all’Albo Nazionale degli Agenti che devono trasferirsi nel Registro Unico rimandiamo alla sezione a loro dedicata:

  • Trasferimento dall’Albo Agenti alla Sez. A

Prova di Idoneità ISVAP per Agenti – Esame Isvap Agenti di assicurazione

I candidati che vogliono iscriversi alla sezione A del Registro Unico degli intermediari di assicurazione devono superare una prova di idoneità (esame Isvap) vertente su materie tecniche, giuridiche ed economiche relative all’attività assicurativa. Tratto dall’articolo 9:

1. La prova di idoneità è indetta dall’ISVAP, almeno una volta l’anno, con provvedimento pubblicato nella Gazzetta Ufficiale della Repubblica italiana, nel proprio Bollettino e nel proprio sito internet e consiste in un esame scritto ed in uno orale.

2. Nel provvedimento che indice la sessione d’esame, l’ISVAP stabilisce le sedi, le modalità di svolgimento ed ogni altra informazione relativa alla prova di idoneità. Nel medesimo provvedimento sono determinate le modalità di presentazione della domanda di ammissione alla prova.

3. Per la partecipazione alla prova di idoneità è richiesto il possesso, alla data di scadenza del termine per la presentazione della domanda di ammissione all’Isvap, del titolo di studio, non inferiore al diploma di istruzione secondaria superiore, rilasciato a seguito di corso di durata quinquennale oppure quadriennale integrato dal corso annuale previsto per legge o di un titolo di studio estero equipollente.

4. L’esame scritto è articolato in quesiti a risposta multipla e verte sulle seguenti materie:

a) diritto delle assicurazioni, inclusa la disciplina regolamentare emanata dall’ISVAP;
b) disciplina della previdenza complementare;
c) disciplina dell’attività di agenzia e di mediazione;
d) tecnica assicurativa;
e) disciplina della tutela del consumatore;
f) nozioni di diritto privato;
g) nozioni di diritto tributario riguardanti la materia assicurativa e la previdenza complementare.

5. Per i candidati che intendono esercitare l’attività di intermediazione riassicurativa, l’esame scritto verte, oltre che sulle materie previste dal comma 4, anche sulle seguenti materie:
a) disciplina del contratto di riassicurazione e tipologie di riassicurazione;
b) tecnica riassicurativa.

6. L’esame orale verte sulle medesime materie dell’esame scritto.

7. Sono considerati idonei i candidati che abbiano riportato un punteggio non inferiore a sessanta centesimi sia nell’esame scritto che nell’esame orale.

Per un’ulteriore consultazione si rimanda all’articolo 9 del regolamento.

 

Polizza RC

I candidati che vogliono iscriversi alla sezione B del Registro Unico devono sottoscrivere una polizza di Responsabilità Civile, come cita l’articolo 11:

1. La polizza di assicurazione della responsabilità civile è stipulata dagli intermediari di cui alle sezioni A e B con un’impresa autorizzata all’esercizio del ramo 13 responsabilità civile generale di cui all’articolo 2, comma 3, del decreto o con un’impresa estera ammessa ad esercitare tale attività in regime di stabilimento o di libertà prestazione di servizi nel territorio della Repubblica italiana. E’ consentita anche la stipulazione in coassicurazione.
2. La polizza deve avere le seguenti caratteristiche minimali:
a) garantire la responsabilità civile derivante da danni arrecati a terzi nell’esercizio dell’attività di intermediazione conseguenti a negligenze ed errori professionali dell’intermediario ovvero a negligenze, errori professionali ed infedeltà dei suoi dipendenti, collaboratori o persone del cui operato deve rispondere a norma di legge, incluse le persone fisiche e le società, iscritte nella sezione E. Non sono consentite clausole che limitino o escludano tale copertura;
b) coprire l’integrale risarcimento dei danni occorsi nel periodo di svolgimento dell’attività di intermediazione, ancorché denunciati nei tre anni successivi alla cessazione dell’efficacia della copertura;
d) l’inserimento di franchigie o scoperti non può essere opposto dall’impresa ai terzi danneggiati che devono ricevere, nel limite dei massimali garantiti, l’integrale ristoro del danno subito; l’impresa conserva il diritto di rivalsa nei confronti dell’assicurato;
d) garantire la copertura nel territorio di tutti gli Stati membri.

3. Qualora l’intermediario svolga attività relativa a forme pensionistiche complementari, la copertura della polizza si estende anche a tale attività.
4. I massimali di copertura della polizza sono di importo almeno pari a:

a) per ciascun sinistro, un milione di euro;
b) all’anno globalmente per tutti i sinistri, un milione e cinquecentomila euro.

Nel caso di polizze che prevedono coperture cumulative, i suddetti limiti minimi sono riferiti a ciascun intermediario di cui alle sezioni A o B che richiede l’iscrizione.
5. La polizza, salvo quanto previsto dall’articolo 71, ha decorrenza dalla data di iscrizione nel registro e scadenza il 31 dicembre. Le polizze con durata annuale hanno scadenza al 31 dicembre dell’anno di iscrizione ed essere rinnovate annualmente.

 

 

Per un’ulteriore consultazione si rimanda all’articolo 11 del regolamento

 

Regole di Comportamento

Il 30 giugno 2007 scade il periodo di tempo lasciato dal Regolamento ISVAP n. 5/2006 agli operatori per adeguarsi alle disposizioni di cui agli artt. 47, comma 3, 48, 49, 50, 51, 52, 53, 55, 56, 60 e 61 del medesimo Regolamento.Secondo l’Art. 47 gli intermediari devono:
a) comportarsi con diligenza, correttezza, trasparenza e professionalità nei confronti dei contraenti e degli assicurati;
b) osservare le disposizioni legislative e regolamentari, anche rispettando le procedure e le istruzioni a tal fine impartite dalle imprese per le quali operano;
c) acquisire le informazioni necessarie a valutare le esigenze assicurative e previdenziali dei contraenti ed operare in modo che questi ultimi siano sempre adeguatamente informati;
d) agire in modo da non recare pregiudizio agli interessi dei contraenti e degli assicurati. Gli intermediari inoltre sono tenuti:
1. alla tutela degli interessi dei clienti (art. 48)
2. a dare l’informativa precontrattuale e le modalità dell’informativa stessa (artt. 49, 50 e 51)
3. a fornire l’adeguatezza dei contratti offerti e la documentazione da consegnare ai contraenti (artt. 52 e 53) con particolare riferimento ai rami danni, considerato che nel Vita il modus operandi è già stato sufficientemente tracciato dall’ISVAP e dal mercato.
4. all’adempimento delle obbligazioni pecuniarie (art. 55)
5. alla valutazione dell’adeguatezza della polizza dei contratti collettivi (art. 56)
6. a dare l’informativa adeguata prima che il contraente sia vincolato da un contratto di assicurazione a distanza o per telefono e a rendere possibile l’identificazione dell’intermediario nonchè l’accertamento della sua iscrizione al registro qualora la stipula si verifichi via internet (artt. 60 e 61)

 

Dall’Albo Nazionale Agenti al Registro Sez.A

 

Tratte dall’articolo 63 le procedure per il trasferimento nel registro delle persone fisiche iscritte nell’Albo nazionale degli agenti di assicurazione:1. Le persone fisiche iscritte nell’Albo nazionale degli agenti di assicurazione alla data di entrata in vigore del presente Regolamento sono iscritte nella sezione A del registro a condizione che abbiano assolto l’obbligo di stipulazione della polizza di cui all’articolo 11 e/o che siano incluse nella copertura della polizza di cui all’articolo 15 stipulata dalle società indicate all’articolo 65, comma 1, per le quali operano. L’assolvimento dell’obbligoè attestato mediante trasmissione all’ISVAP di una dichiarazione sostitutiva conforme al modello di cui all’allegato n. 8A – Parte I. 2. I soggetti di cui al comma 1, che attestano nella dichiarazione sostitutiva di non avere assolto l’obbligo di stipulazione della polizza prevista dall’articolo 11 o di non essere inclusi nella polizza stipulata dalle società per le quali operano, sono iscritti nella sezione A come inoperativi.

3. Coloro che non trasmettono la dichiarazione sostitutiva di cui ai commi 1 e 2 entro il termine previsto dal comma 7 non vengono trasferiti nel registro; tuttavia conservano il requisito di professionalità da far valere ai fini di una successiva iscrizione.

4. Ai soggetti di cui al comma 1, iscritti nell’Albo nazionale degli agenti di assicurazione in qualità di rappresentanti legali o delegati allo svolgimento dell’attività assicurativa di società indicate all’articolo 65, comma 1, che nella dichiarazione sostitutiva attestano di essere inclusi nella copertura della polizza stipulata da tali società, si applicano le disposizioni stabilite dall’articolo 65, commi 2, 3, 4 e 5.

5. Sono iscritte nella sezione A come inoperative le persone fisiche che, alla data di entrata in vigore del presente Regolamento, erano iscritte nella seconda sezione dell’Albo nazionale degli agenti di assicurazione ed esercitavano attività corrispondente a quella per la quale è prevista l’iscrizione nella sezione E; a tal fine compilano la Parte I del modello di cui all’allegato n. 8A. Qualora esse intendano continuare ad esercitare l’attività precedentemente svolta, presentano domanda di cancellazione dalla sezione A, compilando la Parte IV del modello di cui all’allegato n. 8A e gli intermediari che se ne avvalgono presentano per loro conto apposita domanda di iscrizione nella sezione E, secondo quanto previsto dal successivo comma 6 o dall’articolo 65, comma 6. Nel caso in cui ricorrano le condizioni previste dall’articolo 4, comma 4, non è richiesta la cancellazione dalla sezione A. Per tali soggetti resta comunque valido il requisito di professionalità in base al quale era stata effettuata l’iscrizione nell’Albo nazionale degli agenti di assicurazione.

6. Le persone fisiche di cui al comma 1 che intendano iscrivere nella sezione E gli addetti all’attività di intermediazione operanti al di fuori dei propri locali, che si trovino nelle condizioni previste dall’articolo 70, presentano domanda di iscrizione secondo quanto stabilito da quest’ultimo articolo. A tal fine compilano la Parte II e/o III del modello di cui all’allegato n. 8A.

7. Il termine per la trasmissione all’ISVAP della documentazione prevista dal presente articolo è fissato al 31 dicembre 2006. Le procedure e le modalità per il trasferimento dall’Albo Nazionale Agenti al Registro Unico, sezione A, sono descritte all’articolo 63 a cui si rimanda per la consultazione.

Dall’Albo dei Broker al registro sez. B

Tratte dall’articolo 64 le procedure per il trasferimento nel registro delle persone fisiche e delle società iscritte nell’Albo dei mediatori di assicurazione e riassicurazione:

1. Le persone fisiche iscritte nell’Albo dei mediatori di assicurazione e riassicurazione alla data di entrata in vigore del presente Regolamento sono iscritte nella sezione B del registro a condizione che abbiano assolto l’obbligo di stipulazione della polizza di cui all’articolo 11 e/o siano incluse nella copertura della polizza prevista dall’articolo 15 stipulata dalle società di cui al comma 8 per le quali operano, da attestare mediante trasmissione all’ISVAP di una dichiarazione sostitutiva conforme al modello di cui all’allegato n. 8C – Parte I.

2. I soggetti di cui al comma 1, che attestano nella dichiarazione sostitutiva di non avere assolto l’obbligo di stipulazione della polizza prevista dall’articolo 11 o di non essere inclusi nella polizza stipulata dalle società per le quali operano, sono iscritti nella sezione B come inoperativi.
3. Coloro che non trasmettono la dichiarazione sostitutiva di cui ai commi 1 e 2 entro il termine previsto dal comma 13 non vengono trasferiti nel registro; tuttavia conservano il requisito di professionalità da far valere ai fini di una successiva iscrizione.
4. Alle persone fisiche, iscritte nell’Albo dei mediatori di assicurazione e riassicurazione in qualità di rappresentanti legali, amministratori delegati, direttori generali delle società di cui al comma 8, che trasmettono la dichiarazione sostitutiva prevista dal comma 1, sono attribuite le corrispondenti qualifiche, a condizione che le società attestino nell’allegato n. 8D di averli confermati nelle loro cariche. In caso contrario, tali soggetti vengono iscritti temporaneamente nella sezione B come inoperativi e vengono cancellati dal registro qualora, entro il 31 marzo 2007, non pervenga all’ISVAP:

a) domanda di iscrizione nella sezione E, accompagnata da richiesta di cancellazione dalla sezione B;
b) comunicazione di avvio dell’operatività in forma individuale e/o comunicazione di assunzione di una delle predette cariche presso altre società iscritte nel registro, corredate da dichiarazione sostitutiva attestante il possesso della copertura assicurativa di cui agli articoli 11 o 15;
c) comunicazione di interruzione del rapporto con la società. In questo caso rimangono iscritti nella sezione B come inoperativi.

5. Alle persone fisiche, iscritte nell’Albo dei mediatori di assicurazione e riassicurazione in qualità di gestori presso le società di cui al comma 8, che trasmettono la dichiarazione sostitutiva prevista dal comma 1 e per le quali tali società non abbiano attestato nell’allegato n. 8D di avere attribuito la qualifica di responsabile dell’attività di intermediazione o una delle altre qualifiche di cui al comma 4, si applica il secondo periodo del medesimo comma 4.
6. Per i soggetti di cui ai commi 4 e 5 resta valido il requisito di professionalità in base al quale era stata effettuata l’iscrizione nell’Albo dei mediatori di assicurazione e riassicurazione.
7. Le persone fisiche di cui al comma 1 che intendano iscrivere nella sezione E gli addetti all’attività di intermediazione operanti al di fuori dei propri locali che si trovino nelle condizioni previste dall’articolo 70, presentano domanda di iscrizione secondo quanto stabilito da quest’ultimo articolo. A tal fine, compilano la Parte II e/o III del modello di cui all’allegato n. 8C.
8. Le società di mediazione assicurativa e/o riassicurativa iscritte nell’Albo dei mediatori di assicurazione e riassicurazione alla data di entrata in vigore del presente Regolamento sono iscritte nella sezione B, previo assolvimento dell’obbligo di stipulazione della polizza di cui all’articolo 15, da attestare mediante trasmissione all’ISVAP di una dichiarazione sostitutiva conforme al modello di cui all’allegato n. 8D – Parte I. In ogni caso, le società individuano, ai sensi dell’articolo 13, comma 1, lettera c) e comma 2, lettera a), tra gli iscritti nel predetto Albo o tra coloro che hanno titolo per l’iscrizione nel registro almeno il rappresentante legale ed il responsabile dell’attività di intermediazione; solo qualora nominati, indicano anche l’amministratore delegato e il direttore generale.
9. Le società di cui al comma 8 che attestano nella dichiarazione sostitutiva di non avere assolto l’obbligo di stipulazione della polizza prevista dall’articolo 15 sono iscritte nella sezione B come inoperative.
10. La mancata trasmissione della dichiarazione sostitutiva entro il termine di cui al comma 13 non dà luogo al trasferimento nel registro.
11. Per le società di cui al comma 8 autorizzate ad esercitare la mediazione riassicurativa, ai fini del trasferimento nel registro rimane fermo il limite minimo di capitale sociale di euro 103.291,38. Decorso il termine di durata di tali società, stabilito antecedentemente al 1° gennaio 2006, il capitale sociale richiesto per la permanenza nel registro non potrà essere inferiore a quello previsto dall’articolo 14.
12. Le società di cui al comma 8 che intendano iscrivere nella sezione E gli addetti all’attività di intermediazione operanti al di fuori dei propri locali che si trovino nelle condizioni previste dall’articolo 70, presentano domanda di iscrizione secondo quanto stabilito da quest’ultimo articolo. A tal fine, compilano la Parte II e/o III del modello di cui all’allegato n. 8D.
13. Il termine per la trasmissione all’ISVAP della documentazione prevista dal presente articolo, ad eccezione di quanto indicato dal comma 4, è fissato al 31 dicembre 2006.

Le procedure e le modalità per il trasferimento dall’Albo Nazionale Mediatori al Registro Unico, sezione B, sono descritte nell’articolo 64 a cui si rimanda per la consultazione.

Pagamento del Contributo di vigilanza degli intermediari assicurativi e periti

     

PROVVEDIMENTO N. 2611 DEL 2 LUGLIO 2008
CONTRIBUTO DI VIGILANZA ANNO 2008 A CARICO DEI SOGGETTI ISCRITTI NEL REGISTRO UNICO DEGLI INTERMEDIARI DI ASSICURAZIONE E DI RIASSICURAZIONE E NEL RUOLO DEI PERITI ASSICURATIVI:
TERMINI E MODALITÀ PER IL VERSAMENTO

GUIDA AL PAGAMENTO DEL CONTRIBUTO DI VIGILANZA ISVAP

CHI DEVE PAGARE il il contributo di vigilanza anno 2008?
a) sezione A (agenti di assicurazione)
b) sezione B (mediatori di assicurazione e riassicurazione)
c) sezione C (produttori diretti) € 15,00
d) sezione D (banche, intermediari finanziari,SIM e Poste Italiane)

QUANTO PAGARE per il il contributo di vigilanza anno 2008?
Art. 1
(Misura del contributo)
1. Ai sensi dell’art. 1 del D.M. del 6 giugno 2008, la misura del contributo a carico degli intermediari è stabilita come segue:

a) sezione A (agenti di assicurazione)

a 1. persone fisiche € 55,00
a 2. persone giuridiche € 255,00

b) sezione B (mediatori di assicurazione e riassicurazione)

b 1. persone fisiche € 55,00
b 2. persone giuridiche € 255,00

c) sezione C (produttori diretti) € 15,00

d) sezione D (banche, intermediari finanziari,SIM e Poste Italiane)

d 1. banche con raccolta premi superiore a 1 miliardo di euro e Poste Italiane € 10,000,00
d 2. banche con raccolta premi da 100 milioni a 1 miliardo di euro € 8.000,00
d 3. banche con raccolta premi da 10 a 99 milioni di euro € 6.000,00
d 4. banche con raccolta premi da 1 a 9 milioni di euro € 5.000,00
d 5. banche con raccolta premi inferiore a 1 milione di euro, intermediari € 2.000,00 finanziari e SIM.

2. Ai sensi dell’art. 2 del D.M. del 6 giugno 2008, la misura del contributo dovuto dai periti assicurativi è stabilita in € 40,00.

QUANDO PAGARE? – SCADENZA del contributo di vigilanza anno 2008?
Art. 2
(Termini di pagamento)
1. Il pagamento del contributo di vigilanza è effettuato entro il 31 luglio 2008 dagli intermediari di assicurazione e di riassicurazione, anche non operativi, iscritti nelle sezioni A, B, C e D del RUI e dai periti assicurativi iscritti nel relativo Ruolo alla data del 30 maggio 2008.

COME PAGARE il contributo di vigilanza anno 2008?
Art. 3
(Modalità di pagamento)
1. Ad eccezione degli istituti credito iscritti nella sezione D del RUI, il versamento è effettuato utilizzando l’apposito bollettino MAV precompilato allegato all’avviso di pagamento che la società Equitalia Gerit S.p.A., incaricata della riscossione dei contributi, provvede ad inoltrare all’indirizzo di ciascun intermediario e perito, secondo le seguenti modalità:

a) senza addebito di commissioni:

a 1. presso tutte le filiali di qualsiasi azienda di credito o tramite home banking;
a 2. presso gli sportelli dell’agente di riscossione della provincia di Roma;

b) con addebito di commissioni:

b 1. presso gli uffici postali;
b 2. presso le ricevitorie SISAL tramite il tagliando precompilato allegato al bollettino MAV;
b 3. attraverso carta di credito collegandosi al sito www.equitaliagerit.it (previa registrazione) o telefonando al numero verde del Call Center 800 422 687;
b 4. mediante domiciliazione bancaria contattando il Call Center al numero sopra indicato e prenotando il pagamento delle successive fatturazioni con addebito sul proprio c/c bancario alle condizioni concordate con la propria banca.

2. Nel caso degli istituti di credito iscritti nella sezione D del RUI, il versamento è effettuato tramite bonifico bancario su un apposito c/c intestato a Equitalia Gerit S.p.A. specificato nell’avviso di pagamento che la società incaricata della riscossione dei contributi provvede ad inoltrare all’indirizzo di ciascun istituto di credito.

E SE NON HO RICEVUTO IL MAV per il pagamento del contributo di vigilanza anno 2008?
Art. 3
(Modalità di pagamento) Continua…
3. In caso di mancato ricevimento dell’avviso di pagamento, gli intermediari e i periti potranno comunque acquisire i dati necessari per effettuare il versamento collegandosi al sito www.equitaliagerit.it (previa registrazione).

COSA COMPORTA IL MANCATO PAGAMENTO del contributo di vigilanza anno 2008??
Art. 4
(Riscossione coattiva e cancellazione dal RUI e dal Ruolo Periti)
1. Il mancato pagamento del contributo entro il termine stabilito comporta l’avvio della procedura di riscossione coattiva ai sensi degli artt. 336, comma 3, e 337, comma 4, del Codice delle Assicurazioni Private nonché l’avvio della procedura di cancellazione dal RUI e dal Ruolo dei periti assicurativi rispettivamente ai sensi dell’art. 113, comma 1, lettera e)
e dell’art. 159, comma 1, lettera e) del citato Codice.

COSA SUCCEDE SE NON MI ARRIVA LA COMUNICAZIONE DI PAGAMENTO del contributo di vigilanza anno 2008?
Chi non dovesse ricevere la comunicazione per il versamento dell’importo dovuto, sarà destinatario di una successiva comunicazione a mezzo raccomandata, con allegato il relativo bollettino MAV. Il mancato pagamento del contributo richiesto con la successiva comunicazione comporterà ogni conseguente deliberazione da parte di questa Autorità avverso i soggetti non in regola

VN:F [1.9.22_1171]

Quanto ti è stato utile questo contenuto?

Rating: 0.0/10 (0 votes cast)

Commenti disabilitati