Piccole perle sull’evoluzione assicurativa

Rischi più temuti dalle imprese italiane, ma anche dalle compagnie e alcune curiosità.

Considero un grande privilegio avere preso parte al Corso di aggiornamento organizzato a Villa Fogliano nel mese di novembre dell’anno scorso dalla Sezione Provinciale di Latina e dal Coordinamento Regionale del Lazio, perché ho assistito a un evento che considero persino speciale per i contenuti che mi ha tra­smesso.

Accanto alla rilevanza della lectio magistralis tenuta dal Presidente Nazionale Claudio Demozzi, i presenti han­no infatti potuto apprezzare i numerosi temi collegati all’evento sindacale, da quello ambientale, data l’importanza rivestita dal Lago di Fogliano nell’equilibrio dell’ecosistema non soltanto locale, a quello sociale lega­to al coinvolgimento dei partecipanti alle attività dell’associazione Onlus Diaphorà, nella visita guidata al locale Giardino Botanico e nella somministrazione dei pa­sti.

Dopo la presentazione della performance all’interno del Parco consistente in due quadretti artistici eseguiti dal vivo in costumi ottocenteschi, epoca nella quale la Villa era abitata da una nobildonna inglese, i giovani disa­bili hanno servito ai tavoli del buffet allestito per la cola­zione dei partecipanti al Convegno, dimostrando i risulta­ti straordinari ottenuti da Diaphorà nel programma di in­clusione socio-lavorativa dei propri assistiti.

La grande lezione e il significato profondo di questa inizia­tiva sono stati palesati, con una tenerezza che ha com­mosso tutti i presenti, dalla serietà e dall’impegno profusi dai singoli nel compensare le diversità personali e dalla capacità dei familiari-volontari nel fornire un supporto di­screto, quanto affettuoso, ai propri ragazzi.

Bravi tutti e grazie per l’opportunità che mi avete fornito dì crescere sul piano umano e valoriale, ricordandomi che la nostra professione è “Non solo business”.

BUSINESS INTERRUPTION, il rischio più temuto dalle imprese italiane

Nelle aziende accade sempre più spesso che un modesto danno diretto causi devastanti danni indiretti! Si pensi alle conseguenze sul piano economico dell’incendio di una linea di produzione di una industria che impedisce la consegna del prodotto finito nei tempi previsti dai contratti di fornitura.

Il rischio dell’interruzione dell’attività è tra i più sentiti dalle imprese italiane, che l’hanno sempre trovato come garanzia aggiuntiva – ma molto limitata – nella copertura nelle loro polizze impresa.

Fortuna che il trend sta cambiando e che si affacciano sul mercato coperture stand alone che coprono i rischi di interruzione d’attività offrendo indennizzi, sotto for­ma di diaria per le perdite derivanti da interruzioni totali o parziali dell’operatività a causa di danni diretti.

Il pacchetto viene completato con indennizzi specifici per i maggiori costi affrontati per far ripartire la produzione e le coperture rela­tive ad eventuali penali dovute ai committenti a seguito di mancato o ritardato soddisfacimento delle clausole contrat­tuali. In vista anche i rimborsi delle spese sostenute in caso di inabilità al lavoro dei key man.

CYBER RISK: il secondo rischio, in termini di pericolosità, per le nostre aziende … che comunque restano clamorosamente non assicurate

Nelle aziende accade sempre più spesso che un modesto danno diretto causi devastanti danni indiretti! Si pensi alle conseguenze sul piano economico dell’incendio di una linea di produzione di una industria che impedisce la consegna del prodotto finito nei tempi previsti dai contratti di fornitura.

Il rischio dell’interruzione dell’attività è tra i più sentiti dalle imprese italiane, che l’hanno sempre trovato come garanzia aggiuntiva – ma molto limitata – nella copertura nelle loro polizze impresa. Fortuna che il trend sta cambiando e che si affacciano sul mercato coperture stand alone che coprono i rischi di interruzione d’attività offrendo indennizzi, sotto for­ma di diaria.

Per le perdite derivanti da interruzioni totali o parziali dell’operatività a causa di danni diretti. Il pacchetto viene completato con indennizzi specifici per i maggiori costi affrontati per far ripartire la produzione e le coperture rela­tive ad eventuali penali dovute ai committenti a seguito di mancato o ritardato soddisfacimento delle clausole contrat­tuali. In vista anche i rimborsi delle spese sostenute in caso di inabilità al lavoro dei key man.

Le CATASTROFI NATURALI sono il terzo rischio paventato dalle imprese Italiane

Fortemente evitate dalle compagnie tradizionali, si iniziano a vedere anche in Italia le coperture per le catastrofi naturali più temute e sempre escluse come terremoti, maremoti, mareggiate, penetrazioni di acqua marina, eruzioni vulcani­che, bradisismi o altri fenomeni tellurici, esondazioni, fuoriuscita dalle usuali sponde di corsi o specchi d’acqua naturali o artificiali, nonché franamenti, cedimenti o smottamenti del terreno, ivi incluse valanghe, slavine e variazioni della fal­da freatica.

Sarebbe auspicabile che relativamente a questo problema le compagnie, ma anche le istituzioni, facessero dei ragionamenti più mutualistici rispetto alle isterie delle normative attuali.

CURIOSITÀ: forse non tutti sanno che …

Assicurazioni Agricole con un sms – In Kenya (Africa!), i contadini assicurano i raccolti con un semplice messaggio. Sembra impossibile, eppure le micro-assicurazioni attivate via sms sono una realtà poco conosciuta alla maggior parte di noi, ma non ai piccoli agricoltori kenioti.

La forza di queste micro-assicurazioni agricole è amplificata dalla possibilità di incrociare dati satellitari con i dati raccolti da piccole stazioni metereologiche sparse sul territorio, che rilasciano infor­mazioni molto importanti relativamente ai quantitativi di pioggia necessari alle diverse colture, diminuendo in maniera molto importante il rischio di perdere il proprio raccolto e garantendo comunque un rimborso nel caso in cui la stagione sia sfavorevole.

SERVIZI online per il cellulare

Più che Assicurazioni, visto che vengono prestati da compagnie assicurative, si do­vrebbero chiamare Servizi! Infatti ben poco hanno a che vedere con le polizze assicurative distribuite dagli intermediari che per loro natura, formazione e etica professionale forniscono adeguata consulenza e assistenza al cliente. Un servi­zio che potrebbe però essere prestato anche dagli agenti, ad evitare che si diffonda l’abitudine alla disintermediazione!

da l’agente di Assicurazione n.126
VN:F [1.9.22_1171]

Quanto ti è stato utile questo contenuto?

Rating: 0.0/10 (0 votes cast)

Lascia un commento