Intermediari e branding, è una questione di fiducia.

Ormai dovrebbe essere chiara l’importanza del branding e della comunicazione con il cliente.

Capire chi è interessato al tuo servizio e il modo migliore di comunicare con loro sarà la chiave di successo del tuo brand. 

 Ti starai chiedendo come fare a creare questa relazione tra il tuo brand e i potenziali clienti. 

La risposta è fiduciaUn cliente che si fida di te e che crede che il tuo servizio sia davvero il migliore sul mercato è un cliente che continuerà a sceglierti anche in futuro.

Il tuo sforzo, quindi, deve essere mirato a profilare il più possibile i tuoi clienti. 

Cosa significa? 

Capirne le preferenze, i comportamenti tipici, i gusti e i tratti comuni, quali contenuti preferiscono leggere e quali, invece, gli creano fastidio. 

Riuscire ad ottenere questi dati ti consentirà di mettere in atto una comunicazione efficace e di successo, anche dal punto di vista del tuo business. 

Un cliente fidelizzato è un cliente che, senza pensarci troppo, sarà disposto a stipulare ciò che ritieni necessario per lui. 

Ti sembrerà un discorso quasi utopico, ma ti assicuriamo che l’obiettivo di ogni buona strategia di marketing è proprio questo:
fidelizzare il cliente. 

Per conoscere bene i tuoi clienti devi instaurare con loro un rapporto duraturo e per poter fare ciò devi iniziare a lavorare, appunto, sulla fiducia. 

Come fare?

Ecco tre aspetti sui quali, con un pò di impegno e lavoro, potrai costruire un rapporto di fiducia del cliente con il tuo brand.

Logica

In questa categoria sono racchiusi i motivi per i quali un cliente dovrebbe scegliere il tuo servizio. Il mercato dell’intermediazione, lo sai bene, è altamente competitivo, è importante, quindi, dare al cliente un motivo valido per scegliere te e non un altro brand.  

Devi riuscire a capire quale problema è presente nella tua fetta di mercato e presentare il tuo servizio come la migliore risposta a quella determinata problematica.

Una volta individuato il tuo elemento distintivo – chiamato tecnicamente value proposition – devi riuscire a comunicarlo in maniera efficace.

Empatia.

L’empatia è una caratteristica fondamentale per il successo di un brand. Per comunicare in maniera efficace con i propri clienti bisogna riuscire a capire le loro esigenze, i loro timori e le perplessità, per poi rassicurarli e presentargli il proprio servizio come quello più sicuro e affidabile sul mercato. 

Instaurare un rapporto empatico con i propri clienti o potenziali tali, crea vicinanza e abbatte la barriera iniziale del timore.

Autenticità.

Arriviamo al punto più importante: l’autenticità. Essere autentici significa essere sé stessi. Sì lo sappiamo, sembra una di quelle frasi da incoraggiamento. In realtà questo sarà uno dei tuoi punti di forza. 

Il web è pieno di servizi simili al tuo ed è pieno di pubblicità che ogni giorno raggiungono i tuoi potenziali clienti, i quali, se volessero, ci metterebbero davvero poco a trovare un servizio simile al tuo.

Come fare a trattenerli? 

La risposta sta proprio nell’autenticità. Diversi intermediari hanno una comunicazione fin troppo strategica, che risulta essere quasi fittizia.

Il tuo valore deve essere far percepire al cliente di non interagire meramente con lo schermo di un pc ma, piuttosto, con una persona che li ascolta, pronta a fornire assistenza, se dovesse essercene bisogno e a supportarli in ogni fase dell’acquisto del servizio. 

Il discorso appena affrontato è soltanto uno dei tanti aspetti che un intermediario dovrebbe padroneggiare al giorno d’oggi. Per restare sempre aggiornato sul mondo del digitale continua a seguire il nostro blog e la Community ufficiale

VN:F [1.9.22_1171]

Quanto ti è stato utile questo contenuto?

Rating: 8.3/10 (3 votes cast)
Intermediari e branding, è una questione di fiducia., 8.3 out of 10 based on 3 ratings

Lascia un commento