Guida per il social advertising – parte 1

Ti abbiamo più volte parlato non solo dell’importanza di creare una strategia efficace ma, allo stesso tempo, anche di prevedere un budget da investire.

Il social advertising, infatti, fa riferimento all’utilizzo dei social come risorse di business, cioè capaci di generare un ritorno sull’investimento effettuato, economico ma non solo. 

Nulla di impossibile! La cosa fondamentale è seguire degli step, al fine di ottimizzare il budget e raggiungere l’obiettivo prefissato.

Abbiamo creato per te una guida per il social advertising che ti aiuterà ad effettuare il tuo lavoro di intermediario anche nel digitale!

Individua i canali:

I social network sono numerosi, molti dei quali prevedono la possibilità di effettuare delle campagne pubblicitarie a pagamento. 

Se il tuo obiettivo e ampliare il portfolio clienti allora la prima domanda che dovrai porti è:

dove trovo le persone interessate al mio servizio?

Un utente che necessita di una consulenza su una polizza vita oppure su come avviare una pratica per un mutuo, sicuramente cercherà online delle recensioni sulla tua persona e sulla qualità del lavoro. 

Quindi, un intermediario che lavora con il digitale, sicuramente dovrà aprire una pagina Facebook, sulla quale raccontare le proprie esperienze personali ma anche gestire una community.

Su Facebook è possibile sponsorizzare, cioè fare pubblicità, su un determinato post  da te scritto.

In questo modo quella notizia verrà visualizzata da un pubblico più ampio rispetto a quanti seguono già la tua pagina. 

Lo studio del budget:

Naturalmente, prima di avviare la sponsorizzata di un post o di un prodotto, è fondamentale analizzare il budget da investire.

Il budget, inoltre, deve essere rapportato all’ampiezza del pubblico. 

Maggiore sarà il numero di persone che vorrai raggiungere, più alto dovrà essere il budget.

Tuttavia, una volta individuato con esattezza il target, cioè le persone realmente interessate al tuo servizio, non sarà più necessario investire una somma elevata, in quanto il pubblico non sarà più ampio ma, piuttosto, ristretto e selezionato. 

Lo studio del target:

Centrare il target significa trovare esattamente le persone che hanno bisogno del tuo servizio. 

Come fare? Non è sicuramente un processo semplice e istantaneo.

Il tuo pubblico è costituito maggiormente da donne? da uomini? quanti anni hanno? da dove vengono? quali sono i loro interessi?

Queste sono alcune domande che possono aiutarti a centrare il tuo pubblico. 

Questa prima parte della guida che abbiamo realizzato per te fa parte di un discorso più ampio sul digitale. Per approfondirne gli aspetti e restare aggiornato sulle novità puoi seguire il nostro blog e la nostra Community ufficiale

VN:F [1.9.22_1171]

Quanto ti è stato utile questo contenuto?

Rating: 8.5/10 (2 votes cast)
Guida per il social advertising - parte 1, 8.5 out of 10 based on 2 ratings

Lascia un commento