Annullamento norme Provvedimento IVASS n. 97/2020

Sentenza Tar Lazio

Lo SNA ha presentato ricorso presso il TAR del Lazio per l’annullamento di alcune norme del Provvedimento n. 97, ritenute non conformi alla normativa vigente e che risultano aggiungere ulteriori oneri a carico degli agenti assicurativi.

In particolare, le norme impugnate sono:

  • 42 comma 4 bis;
  • 56 comma 2;
  • 58 comma 4 bis.

Esse introducono, infatti, nuovi obblighi di comunicazione o pubblicazione dell’esistenza di collaborazioni orizzontali e istituiscono, a carico delle imprese assicuratrici, l’obbligo di consegnare, prima della stipula del contratto, una dichiarazione di coerenza del prodotto con le esigenze dell’assicurato.

Tali disposizioni, si ritiene, introducendo tali obblighi, limitino la libertà di stipula degli accordi di collaborazione orizzontale, con effetti restrittivi sulla concorrenza, e comportino un appesantimento degli oneri burocratici gravanti sugli agenti stessi.

L’appesantimento burocratico introdotto, inoltre, sarebbe incompatibile con la dichiarata finalità di semplificazione del Provvedimento n. 97 e comunque andrebbe ad aggiungersi a ulteriori obblighi di informativa del cliente già previsti da altre disposizioni.

Gli articoli impugnati e per i quali è stato chiesto l’annullamento sono i seguenti:

– art. 4, comma 12, lett. b, che ha modificato l’art. 42 del regolamento 40/2018 introducendo un comma 4 bis a norma del quale “La sottoscrizione dell’accordo di cui al comma 4 è comunicata dagli intermediari alle rispettive imprese di assicurazione mandanti interessate”.

– art. 4, comma 18, che nel sostituire il testo dell’art. 56 del regolamento 40/2018, prevede che il secondo comma della norma abbia il seguente contenuto “I distributori rendono disponibile per il pubblico nei propri locali, anche avvalendosi di apparecchiature tecnologiche, oppure pubblicano su un sito internet ove utilizzato per la promozione e collocamento di prodotti assicurativi, dando avviso della pubblicazione nei propri locali: a) l’elenco recante la denominazione della o delle imprese di assicurazione con le quali l’intermediario ha rapporti d’affari, anche sulla base di una collaborazione orizzontale o di lettere di incarico”;

– art. 4, comma 20, a norma del quale all’art. 58 del regolamento 40/2018 sono apportate le seguenti modifiche: “a) dopo il comma 4 è aggiunto il seguente: “4-bis. Qualora i distributori ritengano che il prodotto sia coerente con le richieste ed esigenze del contraente o dell’assicurato, prima della sottoscrizione del contratto, lo informano di tale circostanza, dandone evidenza in un’apposita dichiarazione”.

 La Sentenza del TAR Lazio, in accoglimento delle tesi SNA, ha introdotto le seguenti significative modifiche immediatamente applicabili

  • Non devono essere più comunicati alle Compagnie mandanti i rapporti di collaborazione in essere.
  • Non è più richiesta, nell’Elenco che i distributori devono mettere a disposizione del cliente, l’indicazione delle Compagnie con le quali l’intermediario ha rapporti di collaborazione orizzontale.

Il contraente dovrà essere informato delle modalità con cui l’intermediario distribuisce la polizza (mandato diretto o collaborazioni orizzontali), solo prima della sottoscrizione del contratto.

  • Non è più richiesta la dichiarazione di coerenza, da parte dell’Intermediario, a beneficio del cliente.

Per ulteriori dettagli si rimanda al testo completo della sentenza del TAR Lazio.

 


Lascia un commento