IVASS – Ulteriore contrasto alle frodi RCA

L’IVASS aggiorna le modalità di redazione e trasmissione della relazione tecnica annuale dedicata al contrasto delle frodi RCA. Negli ultimi tempi sta emergendo un quadro allarmante, l’aumento delle frodi assicurative soprattutto nel settore RCA si sta diffondendo sul nostro territorio con una facilità preoccupante risultato dell’acuirsi della crisi e della propensione al risparmio attuata dai consumatori. L’IVASS in qualità di autorità di vigilanza sul settore assicurativo (che ricordiamo ha sostituito l’ISVAP) sta mettendo in campo grande impegno per arginare un fenomeno che sta assumendo dimensioni molto gravi, con conseguenze da non sottovalutare; oltre a subire un danno di tipo economico il contraente incorre nell’insussistenza della polizza stipulata costituendo un pericolo in caso di eventuale sinistro, perché la vettura in questione risulta sprovvista di copertura assicurativa.

In questa direzione dovrebbe andare il comunicato del 21 marzo 2013 pubblicato sul sito dell’IVASS che, facendo riferimento alla relazione annuale obbligatoria affidata alle imprese di settore (secondo l’art. 30, comma 1, del decreto legge 24 gennaio 2012, n.1, convertito in legge 24 marzo 2012, n.27 con modificazioni)  ha ritenuto opportuno intervenire con ulteriori modifiche sulle originali modalità di redazione ed invio del documento  contenute nella Sezione 1 del modello di relazione del Regolamento 44.

Tali indicazioni di compilazione vengono quindi integrate con osservazioni che confluiscono in un documento complementare al materiale già pubblicato in precedenza; l’impegno dell’IVASS prosegue nella direzione di una sempre maggiore tutela ed informazione dei consumatori con il portale (ancora in fase di allestimento) www.educazioneassicurativa.it, troppo spesso infatti gli utenti si trovano a stipulare false polizze RCA tratti in inganno da offerte molto appetibili. Con queste misure e provvedimenti si vogliono aumentare le occasioni di confronto ed informazione per contrastare le frodi e magari di segnalazione, di modo che gli intermediari che commercializzano tali prodotti vengano più facilmente riconosciuti dopo la pubblicazione sui vari contesti e piattaforme dedicate.

 

R&B consulting formazione IVASS OAM news

R&B consulting formazione IVASS OAM news


Lascia un commento