L’industria assicurativa chiede interventi per mitigare il rischio climatico con l’aumentare degli incendi in Australia

Con l’aumentare della devastazione causata dagli incendi boschivi in ​​Australia, l’industria assicurativa chiede un’azione concertata per mitigare l’impatto dei cambiamenti climatici.

Mesi di incendi fuori controllo hanno bruciato un’area grande più di cinque volte il Galles e si prevede che aumenteranno le richieste di risarcimento di 700 milioni di dollari australiani [480,8 milioni di dollari].

Seguono i grandi costi di altri eventi meteorologici catastrofici recenti, tra cui una grandinata a Sydney nel 2018 che ha portato a oltre 1,3 miliardi di dollari australiani [894 milioni di dollari] in perdite assicurative e alluvioni nella città settentrionale di Townsville che sono costati 1,2 miliardi di dollari australiani [825,2 dollari USA milioni].

Con gli scienziati che prevedono che i cambiamenti climatici aumenteranno la gravità e la frequenza di tali catastrofi, si teme che i premi assicurativi possano salire alle stelle oltre la portata di coloro che necessitano maggiormente dei copertura assicurativa. La questione è particolarmente acuta in Australia, una terra di estremi eventi climatici dal nord tropicale, al deserto centrale fino alle coste temperate.

“Se pensiamo seriamente andare oltre una nuova normalità, ovviamente i premi assicurativi dovranno aumentare”, ha dichiarato Karl Mallon, amministratore delegato della società di consulenza sull’adattamento al clima Climate Risk. La sua precedente proiezione ha evidenziato che senza azioni, la polizza casa potrebbe essere fuori portata in una forbice che va da 1 a 20 case australiane entro la fine del secolo. “Il campo di battaglia sarà su assicurazioni a prezzi accessibili in futuro.”

La chiave di questo dibattito è ciò che dovrebbe essere fatto per rendere le comunità e le infrastrutture come strade e reti elettriche più resistenti agli eventi come ondate di calore, inondazioni e incendi.

Un’altra domanda critica è dove le persone dovrebbero vivere.

“A livello globale, man mano che le nostre città diventano più grandi, ci stiamo spostando in aree più pericolose. La mitigazione delle catastrofi è assolutamente fondamentale “, ha affermato Andrew Gissing, responsabile del rischio e della resilienza presso Risk Frontiers, fornitore di soluzioni per strategie nella risoluzione di catastrofi. “Spendiamo troppo per il soccorso e il ripristino delle catastrofi e non abbastanza per la mitigazione”.

Di fronte a richieste crescenti, il settore assicurativo australiano sta diventando sempre più insistente nelle sue richieste di azioni a lungo termine.

“Tutte le proprietà dovrebbero essere assicurabili“, ha detto Campbell Fuller, portavoce del Consiglio delle assicurazioni australiano, a Bloomberg TV mercoledì. “Ma ciò richiede ai governi di agire ora per aiutare a ridurre i rischi per le proprietà di ciò che è già qui, figuriamoci di ciò che sta arrivando con il cambiamento climatico”.

L’industria assicurativa vuole vedere il governo investire in tutta una serie di misure permanenti, tra cui una migliore ricerca sugli incendi boschivi, la prevenzione delle inondazioni e la resilienza dei cicloni, ha affermato.

Nessuna correzione rapida

“Non ci sono soluzioni rapide quest’anno”, ha dichiarato Fuller. “Abbiamo aree urbane che invadono le zone tradizionali degli incendi boschivi. Abbiamo molte comunità in cui i codici di costruzione precedono la moderna comprensione degli incendi boschivi e ognuna di queste questioni dovrà essere affrontata in senso lato da tutti i livelli di governo, con input del settore e con input accademici. ”

Le richieste per quest’anno dovrebbero aumentare “in modo drammatico”, ha affermato Fuller, sottolineando che l’accesso è ancora impossibile per molte aree e le richieste commerciali richiederanno settimane per scorrere.

Anche se le perdite di incendi quasi raddoppiano, sarebbero comunque inferiori ai costi di altri eventi meteorologici estremi come la grandinata di Sydney nel 2018. Mentre gli incendi tendono a colpire più duramente le aree rurali, eventi come cicloni e inondazioni hanno colpito il cuore della le città costiere più popolate e più ricche della nazione.

Per le società stesse, per quest’anno almeno la riassicurazione aiuterà imprese come Insurance Australia Group Ltd. e Suncorp Group Ltd. a gestire il colpo.

“La stagione 2019-20 sarà probabilmente la più distruttiva e costosa degli ultimi decenni, con un impatto economico sul paese che supera di gran lunga le perdite assicurate”, ha affermato l’analista di Bloomberg Intelligence Steven Lam. Tuttavia, “i crediti netti per IAG e Suncorp dovrebbero essere limitati dai recuperi di riassicurazione”.

La settimana scorsa lo IAG, con sede a Sydney, ha dichiarato di aspettarsi richieste di risarcimento nette di incendi boschivi per 160 milioni di dollari australiani [110 milioni di dollari USA] e costi per le richieste di risarcimento del rischio naturale nel primo semestre di circa 400 milioni di dollari australiani [75,1 milioni di dollari], 80 milioni di dollari [Stati Uniti $ 55 milioni] al di sopra della sua indennità semestrale. Le azioni della società sono scivolate dell’1,2% quest’anno.

Il gruppo Suncorp di Brisbane ha ricevuto più di 1.500 richieste sin da quando gli incendi sono iniziati a novembre, ma riconosce che l’impatto completo non sarà noto per diverse settimane. “Continuiamo a vedere le comunità colpite da inondazioni, incendi boschivi e cicloni”, ha affermato il CEO Steve Johnston. “L’aumento della resilienza alle catastrofi in Australia richiede un’attenzione particolare alle attività di preparazione e mitigazione, compresa la pianificazione dell’uso del suolo, il miglioramento delle infrastrutture di costruzione nelle aree ad alto rischio e la gestione della vegetazione”.

VN:F [1.9.22_1171]

Quanto ti è stato utile questo contenuto?

Rating: 0.0/10 (0 votes cast)

Lascia un commento