Scatola nera caratteristiche di conformità

Il Ministero delle Infrastrutture ha recentemente pubblicato sulla gazzetta Ufficiale il decreto del 25 gennaio 2013 con l’intento di individuare i meccanismi elettronici che registrano l’attività del veicolo; ricordiamo che uno degli scopi dell’introduzione della scatola nera è quello di registrare con maggiore precisione le dinamiche legate ai sinistri, portando ad una minore possibilità di effettuare truffe ed ad un conseguente risparmio per i consumatori, dopo i primi dubbi legati alla privacy  (ve ne abbiamo parlato qui), il Ministero delle Infrastrutture sembra voler delineare con maggiore precisione le caratteristiche del dispositivo che verrà installato sulle autovetture.

Scatola nera – i requisiti.
Come scritto nel decreto vi sono dei primi requisiti che tutti i dispositivi installati dovranno possedere, tra i quali: la scatola nera dovrà essere sigillata in modo tale da non poter essere manomessa, dovrà essere posizionate in maniera fissa ad elementi fissi del veicolo, dovrà consentire costantemente nel tempo la posizione e la velocità del veicolo, oltre al profilo accelerometrico del moto del veicolo. Per quanto riguarda le funzioni “da remoto” dovrà essere sempre possibile monitorare il corretto funzionamento el’eventuale manomissione, ed il valore dell’incorruttibilità dei dati raccolti dovrà essere superiore al 99%, inoltre periodicamente verranno trasmesse le informazioni immagazzinate.

Scatola nera – specifiche tecniche.
La scatola nera delineata nel comunicato del Ministero delle Infrastrutture dovrà possedere le seguenti specifiche tecniche:

  • ricevitore elettronico GPS, compatibile con la nuova costellazione Galileo, per la geo-radiolocalizzazione;
  • accelerometro triassiale a bassa distorsione;
  • dispositivo di telefonia mobile (GPRS) per la trasmissione dati su rete GSM – UMTS;
  • memoria flash e memoria RAM per la raccolta dei dati nell’intervallo di tempo intercorrente tra due trasmissioni successive dei dati;
  • dispositivo di comunicazione wireless bi-direzionale per la comunicazione con gli altri dispositivi a bordo del veicolo;
  • una batteria ricaricabile.

Le compagnie si sono già da tempo attrezzate sulle offerte legate alla commercializzazione di polizze RC auto legate alla scatola nera, c’è ad esempio che promuove la guida virtuosa con l’accumulo di uno sconto che può arrivare fino al 25% del premio pagato sul rinnovo della polizza, anche i consumatori sempre più attenti alle promozioni sono sempre più suscettibili alle offerte legate alla tecnologia e molto spesso è dal web che parte la caccia a quella migliore.


Lascia un commento