Intermediari assicurativi sempre più digitali 

Il lockdown e la pandemia Covid – 19 hanno posto le basi per un cambiamento radicale nel modo in cui le agenzie assicurative, i broker e gli intermediari si relazionano con i propri clienti.

Oggi, infatti, sempre più spesso la relazione tra intermediari assicurativi e clienti inizia e finisce online, dalla ricerca del primo contatto fino alla stipula e la firma della polizza.

Il 79% dei clienti comunica con l’intermediario assicurativo online 

A questo proposito, una ricerca condotta dalla società di consulenza EY nel periodo tra settembre 2020 e dicembre 2020 tra grandi gruppi di assicurazioni, broker e intermediari, fa emergere alcuni dati significativi.

Durante il periodo di lockdown, infatti, il 79% dei clienti ha comunicato con il proprio intermediario assicurativo attraverso i canali digitali: chat dei social, video-chat e altro.

Il restante 21%, invece, si è affidato al contatto telefonico.

Un dato in controtendenza

Eppure, un dato rimane in controtendenza: il maggior uso dei canali digitali non sembra riguardare le sottoscrizioni delle polizze. 

Il 29% degli intervistati, infatti, ha ritenuto invariata l’entità delle sottoscrizioni online, mentre il 43% ne ha osservato una crescita limitata (sotto il 10%).

La firma elettronica

La firma elettronica è lo strumento che può aiutare gli intermediari assicurativi a concludere completamente online l’acquisto di una polizza.

L’assenza di questo strumento, infatti, spesso comporta la perdita del cliente.

Oltre a snellire e digitalizzare le pratiche amministrative e permettere all’intermediario di concludere la vendita della polizza online, la firma elettronica porta con sé altri vantaggi.

Il primo, la possibilità di ridurre i tempi dedicati alle pratiche amministrative. L’aspetto burocratico dell’erogazione di una polizza è infatti ancora molto lungo e macchinoso.

L’attesa della firma conclusiva della polizza può allungare ulteriormente queste tempistiche.

Con la firma digitale l’intero processo andrebbe a semplificarsi notevolmente.

La seconda motivazione a favore dell’utilizzo della firma digitale, riguarda la dematerializzazione degli archivi, con conseguente risparmio di denaro e spazio.

Nel caso delle agenzie assicurative, ad esempio, solo il 14% di queste ha realizzato una digitalizzazione completa dell’archivio, mentre il 33% continua ad affidarsi all’archiviazione cartacea.

Possedere della documentazione completamente digitale dei propri clienti semplifica quindi, non solo il lavoro di creare uno storico ma consente anche una ricerca più semplice e immediata di uno di questi documenti.

Per continuare ad essere aggiornati su tutte le novità del settore assicurativo e non solo continua a seguire il nostro blog.

 


Lascia un commento