Intermediari assicurativi e cyberbullismo

Sempre più presente tra le cronache italiane e internazionali è il tema del cyberbullismo. 

Si tratta di un tema purtroppo attuale, che porta con sé conseguenze sempre più gravi.

Il settore assicurativo risponde a questo tema proponendo una polizza contro il Cyberbullismo.

Il Cyberbullismo? Lo copre l’assicurazione 

Con il termine Cyberbullismo si intendono quelle forme di aggressione, molestia, discriminazione che avvengono nel mondo digitale.

Secondo diverse ricerche, negli USA, oltre la metà degli adolescenti sono stati vittime di bullismo online e oltre il 25% lo è stato ripetutamente.

Il fatto si aggrava se si pensa che più della metà delle vittime non riferisce ai propri genitori quando si verificano delle forme di violenza e di discriminazione online.

Dinanzi a ciò il settore assicurativo risponde a questo problema, creando un’assicurazione proprio rivolta al Cyberbullismo.

La polizza ha lo scopo di aiutare le vittime a recuperare innanzitutto i costi associati alle spese legali e ai servizi di salute mentale.

Non solo.

Questa polizza copre persino i costi per il cambio di istituto, se il bullismo si è rivelato così grave da costringere uno studente a trasferirsi in una nuova scuola.

Di cosa si tratta

Purtroppo, data la natura estremamente complessa dell’argomento si tratta ancora di un’assicurazione in nascita.

Quello del cyberbullismo, infatti, è un tema i cui confini non sono molto ben definiti.

Ammesso che nessuna forma di denigrazione dell’altro è legittima, tuttavia broker, intermediari e agenzie assicurative si domandano quali sono gli atteggiamenti che possono essere definiti “bullismo”?

Nonostante questa difficoltà, rimane importante che chi lavora nel settore assicurativo si dedichi a cercare risposte alle domande del presente.

Come intermediario assicurativo, infatti, devi essere in grado di offrire soluzioni sempre più personalizzate e rivolte alle esigenze specifiche dei tuoi clienti.

Ulteriori aggiornamenti su questa tematica – ma non solo – saranno pubblicati nell’area dedicata del nostro sito.

Per approfondire clicca qui.

 


Lascia un commento