OAM Comunicazione n. 5/14 – chiarimenti circa gli obblighi di formazione e di aggiornamento professionale

COMUNICAZIONE n. 5/14

Oggetto: Circolare n. 19/14 contenente disposizioni inerenti gli obblighi di formazione e di aggiornamento professionale per gli agenti in attività finanziaria e dei mediatori creditizi: chiarimenti per i soggetti ex art. 128-novies, del D.Lgs. 1 settembre 1993, n. 385.

A partire dal 1° gennaio 2015 trovano applicazione le disposizioni contenute dalla Circolare n. 19/14 in oggetto e, pertanto, dalla medesima data, cessano di efficacia le disposizioni previste nella Circolare n. 6/12.

Ai sensi del combinato disposto di cui agli artt. 2, comma 1, lett. c), e 3, commi 1, e 2, della Circolare in oggetto i dipendenti e collaboratori ex art. 128-novies, del D.Lgs. 1 settembre 1993, n. 385 (di seguito “TUB”), di cui le società iscritte negli elenchi si avvalgono per il contatto con il pubblico (di seguito “dipendenti e/o collaboratori”), adempiono agli obblighi di formazione professionale mediante la partecipazione a corsi di formazione della durata non inferiore a 10 ore, nelle modalità indicate nella citata Circolare n. 19/14.

Con la presente comunicazione questo Organismo ritiene necessario chiarire che l’obbligo di formazione, da parte dei dipendenti e/o collaboratori, previsto dall’art. 3, comma 2, della Circolare n. 19/14, si intende comunque assolto con il superamento della Prova valutativa da parte dei medesimi soggetti, in considerazione della circostanza che la disciplina vigente (Circolare n. 5/12) prevede, quale componente della Prova stessa, il percorso formativo della durata complessiva di almeno 20 ore.

Tutti i soggetti che abbiano conseguito l’attestato di superamento della Prova Valutativa previsto dalla Circolare n. 5/12 non sono, pertanto, tenuti ad effettuare altre attività formative prima dell’instaurazione del rapporto di collaborazione e/o dipendenza, fermi restando i successivi obblighi di aggiornamento previsti dagli artt. 4 e seguenti della Circolare n. 19/14.

 

Clicca qui per visualizzare il documento originale

 


Lascia un commento