Previsioni per il Tasso BCE e l' Euribor

La FED, banca centrale d’America, ha analizzato il mercato finanziario e i tassi di interesse BCE e sulla base di tale analisi ha affermato che la crisi economica che ha investito l’Italia nel 2011 non è ancora finita ma continuerà per molto tempo.
Il tasso BCE, tasso di rifinanziamento delle operazioni principali della Banca Centrale Europea, rappresenta il costo del denaro ovvero il livello dei tassi di interesse a cui la suddetta Banca presta il denaro a quelle degli altri paesi dell’UE.
Rappresenta uno strumento di fondamentale importanza di macroeconomia a cui sono legati ad esempio le aspettative finanziarie, l’inflazione, o anche la crescita economica.
La BCE a quota 1,5 con 25 basis point anche se nel 2011 non ha alzato i basis point, lo farà in quest’anno, raggiungendo una soglia superiore al 2%, e nei prossimi due fino al 3%.
Altro parametro è l’Euribor, anch’esso come il BCE determina il livello degli interessi dei mutui a tasso variabile, ma varia quotidianamente.
Secondo i tassi futures sull’euribor, quotati al Liffe di Londra e che rappresentano le attese degli operatori sull’euribor nei prossimi cinque anni, la scadenza a uno, tre o sei mesi potrebbe aumentare nei prossimi giorni.


Commenti disabilitati