Mercato assicurativo: ulteriori rincari in arrivo?

Il web è in stato di allerta per gli ulteriori possibili rincari che potrebbero arrivare sul mercato assicurativo; quello delle assicurazioni è un settore già pesantemente gravoso per le tasche degli Italiani che pagano tariffe che sono tra le più care d’Europa.

Già il presidente dell’IVASS recentemente, attraverso un intervento, aveva richiesto urgenti misure di revisioni del sistema delle tariffe, per cercare di rimettere in moto un sistema che si sta pian piano sgretolando; i consumatori italiani infatti sono sempre più attenti, soprattutto a causa della crisi, a centellinare le spese. Se si prende in considerazione il settore delle polizze RC auto molti italiani hanno ripreso a spostarsi con i trasporti pubblici, lasciando l’auto in garage o addirittura vendendola proprio per evitare i costi altissimi della copertura assicurativa, per non parlare di chi si assume il rischio di circolare senza.

L’IVASS lancia l’allarme
L’IVASS, l’istituto di vigilanza sul settore assicurativo che ha recentemente sostituto l’ISVAP, ha giù espresso le proprie perplessità tramite il proprio presidente, in merito ad ulteriori aumenti che potrebbero gravare sulle tariffe, questa volta si parla delle nuove imposte provinciali che riguardano le polizze auto; il Decreto sul Federalismo (2011) ha di fatto trasferito proprio alle province l’onere di riscuotere questa imposta portando come prevedibile ad un aumento dei premi.

L’appello al premier Letta
L’autorità di vigilanza sulle assicurazioni ha quindi provveduto a richiedere al premier Letta, un urgente intervento in materia, per evitare che gli automobilisti italiani vedano gravare sulle proprie spalle un ulteriore tassa che va a “gonfiare” le già esose tariffe assicurative.
L’appello va anche nella direzione di una generale revisione del sistema tariffario, che vede ancora una forte disparità nell’applicazione, tra nord e sud e con quest’ultimo che detiene il triste primato delle tariffe più care d’Italia, senza dimenticare che, come già sottolineato, quelle italiane sono le tariffe più care d’Europa.

R&B consulting formazione IVASS OAM news

R&B consulting formazione IVASS OAM news

VN:F [1.9.22_1171]

Quanto ti è stato utile questo contenuto?

Rating: 0.0/10 (0 votes cast)

Lascia un commento