Mercato assicurativo: primi segnali di ripresa?

Sebbene il mercato assicurativo sia ancora pesantemente influenzato da molti fattori, qui e li piccoli focolai di ripresa iniziano a spuntare; secondo alcuni dati si inizia a registrare un seppur minimo e lieve cambio di passo, o almeno il trend negativo inizia a rallentare.

I fattori che giocano contro
Come già rilavato da più parti, permangono alcuni fattori che tendono ad accentuare l’andamento negativo, ed in alcuni casi giocano contro la tanto attesa ripresa. Nel primo caso è il cambio di abitudini dei consumatori italiani, ovvia conseguenza della crisi, a rimandare la ripresa, sempre meno persone infatti utilizzano l’auto per risparmiare sulla copertura assicurativa o scelgono di spostarsi con i mezzi pubblici; nel secondo caso i fattori che remano contro sono sicuramente l’abusivismo nel settore e le polizze fasulle che vanno ad incidere pesantemente su tutto il comparto.

Primi segnali di ripresa
Alcune delle più recenti innovazioni che hanno caratterizzato ed interessato il mercato delle assicurazioni, potrebbero aver gettato le basi per una graduale ripresa che sembra già aver avuto inizio, fattori come l’intermediazione via web, la digitalizzazione dei contrassegni RC auto, i nuovi modelli di consumo e di fruizione dei prodotti assicurativi, la multicanalità, possono essere determinanti per il futuro di tutto il comparto.

In Italia persiste una sostanziale contrazione della raccolta, ma nel 2012 si inizia a registrare un primo rallentamento nel trend negativo, segno che qualcosa inizia a muoversi e che almeno ci si può aspettare un cambio di passo, la raccolta dei premi infatti nel 2012 ha segnato un -4,3% che è comunque un dato negativo ma se comparato a quello dell’anno precedente -11,9% del 2011, può essere indicativo rispetto all’andamento e fa ben sperare per il futuro.

Se il trend di settore dovesse seguire questo tipo di percorso, anche in considerazione del fatto che la dematerializzazione dei contrassegni potrebbe portare effettivi benefici, allora nel 2014 si potrebbe effettivamente realizzare una piccola ripresa.

R&B consulting formazione IVASS OAM news

R&B consulting formazione IVASS OAM news

VN:F [1.9.22_1171]

Quanto ti è stato utile questo contenuto?

Rating: 0.0/10 (0 votes cast)

Lascia un commento