Istituti di pagamento, ora le bollette si pagano in cartoleria

Recentemente abbiamo scritto di come anche in Italia si stiano diffondendo gli istituti di pagamento, Federcartolai e PayTipper annunciano l’accordo per il pagamento delle bollette in cartoleria

istituti di pagamento paytipper

istituti di pagamento paytipper

 

Come spesso succede innovazioni tecnologiche e culturali portano anche a nuove opportunità di impiego o comunque di ampliamento del proprio business; gli istituiti di pagamento e moneta elettronica si stanno rapidamente diffondendo in tutta Italia. Nei vari punti di questi player del settore è possibile pagare bollettini, rid bancari evitando le dispendiose file e code agli sportelli delle banche e postali.

PayTipper e federcartolai
Notizia recente è l’accordo tra Federcartolai e PayTipper per consentire alle cartolerie di diventare punti per il pagamento delle bollette, in questo modo si consente a coloro che operano nel settore di ampliare il raggio del proprio business attirando nuovi clienti con un importante servizio aggiuntivo ed al tempo stesso fidelizzare la clientela già esistente.
Il mercato dei servizi di pagamento oggi si attesta intorno ai 2 miliardi di euro circa (comprendendo bollette, tasse, tributi e ricariche telefoniche) secondo i dati dell’Osservatorio mobile payment & commerce dello School of management del Politecnico di Milano. Il potenziale di questo comparto è notevole, considerando che in in Italia ogni anno avvengono oltre 600 milioni di bollettini, che gli italiani preferiscono pagare in contanti per il 90% delle volte (in Europa il dato sale al 60% e negli Stati Uniti meno del 30%). L’Italia come numero di operazioni effettuate viene dopo Francia, Germania e Inghilterra, partendo al centro fino ad arrivare al nord Europa il numero delle operazioni digitali varia dal 200 a 300 l’anno per abitante.

L’agente nei servizi di pagamento
Ricordiamo che l’OAM ha già dettato le linee guida per chi intende diventare agente nei servizi di pagamento, occorre infatti seguire un corso di formazione specifico con attestazione finale ed una volta all’anno sono tenuti ad un corso di aggiornamento obbligatorio.

VN:F [1.9.22_1171]

Quanto ti è stato utile questo contenuto?

Rating: 0.0/10 (0 votes cast)

Lascia un commento