Assicurare chi è invincibile, la Generazione Y

La Generazione Y, ovvero la più popolosa a livello demografico è la più difficile da assicurare

generazione y

generazione y

Dalla Generazione X alla Generazione Y, termine familiare per i nati tra il 1980 circa e il 2000, che costituiscono una grande parte dell’economia, ma la loro economia personale è molto diversa da quella delle generazioni precedenti.

Uno studio pubblicato dal Princeton Research Associates International rivela che la tendenza delle nuove generazioni è quella di avere un’assicurazione più attenta alla persona che alla proprietà (in America la maggior parte della generazione Y ha un’assicurazione sanitaria e non quella per l’auto o la casa ad esempio), le motivazioni del perché sono molteplici.

Il senso di invincibilità
Lo psicologo Yarrow afferma che il periodo della “gioventù” si è progressivamente esteso negli anni ecco perché la Generazione Y si sente “invincibile” più a lungo e nonostante il periodo di crisi affronta questa situazione con notevole ottimismo; questo fa si che gli artifici della comunicazione del settore assicurativo non facciano effetto su questa generazione che si sente più al sicuro grazie a vari fattori, uno su tutti la tecnologia, rispetto alle generazioni precedenti.

Vendere ai Millennials (la generazione Y) un’assicurazione non è un compito facile, sanno come aggirare i messaggi pubblicitari delle assicurazioni attraverso la tecnologia, e non hanno paura del futuro. La causa di questo comportamento può essere ricondotta ad un’infanzia “comoda” con l’accesso a tanti servizi e che li ha abituati ad un fiero ottimismo. In realtà, le ragioni del comportamento di questo gruppo sono molto più complesse, la generazione Y si compone di gruppi di individui più diversificati (a differenza di quelle precedenti che erano più o meno più semplici da individuare e schematizzare) con diversi livelli di reddito, diversi ideali politici e diversi livelli di stili di vita, ogni persona può richiedere un approccio leggermente o totalmente diverso.

A questa generazione non andrebbe venduta un’assicurazione, quella viene di conseguenza nel momento in cui si riesce, tramite la consulenza a dare a queste persone un modo per capire la complessità del mondo di oggi ed i benefici che ogni individuo può trarre dal sottoscrivere un’assicurazione.

Vendere un’assicurazione ad una generazione invincibile
Per convincere i “moderni” giovani della necessità dell’assicurazione è necessario parlargli nella loro lingua, un rapporto pubblicato da VISA osserva che questa generazione è la prima che probabilmente non raggiungerà lo stesso livello economico dei genitori, questo influenza (e non di poco) le priorità dei Millennials su come gestire le spese e gli investimenti. Inoltre, la visione del denaro è completamente diversa rispetto alle precedenti generazioni, ed in questo senso nella classifica degli acquisti le assicurazioni non occupano la stessa posizione di 10 o 20 anni fa.

Esistono modi per vendere l’assicurazione a Millennials? Si.
Trovare una connessione.
Il modo migliore per raggiungere la generazione Y è quello di utilizzare i loro canali. Dimenticate la carta, i fogli informativi, i depliant e i prospetti utilizzate i social network:
– Facebook
– Twitter
Utilizzate messaggi diretti, semplici e che contengono le informazioni cruciali, se sono incisivi saranno le persone a ricontattarvi, ma almeno non finiranno per non leggere la vostra offerta.

Utilizzate un sito, con delle pagine dedicate alla vostra offerta, che siano semplici e come già detto contengano poche informazioni ma cruciali, stando bene attenti a inserire un documento esaustivo scaricabile, in questo modo chi vuole approfondire può farlo tranquillamente, chi vuole contattarvi per la polizza ha il vostro numero, la vostra mail ed il vostro profilo facebook scritto a caratteri cubitali.

Focalizzate il messaggio sui vantaggi che può portare non esclusivamente sul prodotto e sul prezzo, i vantaggi sono il prodotto.

VN:F [1.9.22_1171]

Quanto ti è stato utile questo contenuto?

Rating: 0.0/10 (0 votes cast)

Lascia un commento