AM Trust. Che sta succedendo?

Da alcuni giorni si rincorrono notizie relative al contenzioso in corso tra la Compagnia statunitense / irlandese / britannica Am Trust e il suo agente generale in Italia.

Am Trust, tramite la filiale UK Am Trust Europe Ltd, è il principale assicuratore presente sul mercato italiano (quasi la metà delle polizze in essere) relativamente alle coperture RC per medici ed enti ospedalieri.

Senza ovviamente entrare nel merito della diatriba economico/giudiziaria, è ovvio che un campanello d’allarme può suonare, anche considerando i movimenti in corso nelle Borse internazionali con inusuali volumi di opzioni al ribasso…

Quindi, che fare?
Gli organismi italiani preposti alla vigilanza sono già stati interessati (ad es. dall’AIBA – associazione rappresentativa dei brokers assicurativi) per effettuare le opportune verifiche al fine di garantire la tutela degli assicurati ed il corretto funzionamento delle coperture.

Al di là delle considerazioni sulle politiche commerciali basate sui grandi e grandissimi volumi e sulle tariffe al ribasso per accaparrare quote sempre più grandi di mercato, che possono essere valutate in diverse maniere, resta il fatto che gran parte della Sanità (operatori ed enti) in Italia ha in corso polizze sottoscritte con la citata Compagnia.

La memoria corre inevitabilmente al caso – peraltro differente, ma sempre legato al mondo della Sanità – di Faro Assicurazioni.

Qualche riflessione o approfondimento, magari con consulenti indipendenti, forse è il caso di farli.

a cura di Fabio Meloni
VN:F [1.9.22_1171]

Quanto ti è stato utile questo contenuto?

Rating: 0.0/10 (0 votes cast)

Lascia un commento