Tacito rinnovo abolito, qualche considerazione

A circa un anno dall’abolizione del tacito rinnovo proviamo a tirare le somme di cosa è successo e di cosa è cambiato da quando il provvedimento contenente tale disposizione è divenuto realtà.

A gennaio 2013 con il decreto legge n.179 approvato ad ottobre 2012 si vietava di fatto alle compagnie di assicurazione di rinnovare tacitamente le polizze RC auto e moto, tale provvedimento è stato salutato da più parti come una “piccola rivoluzione” del settore ed un incipit per un più approfondito cambiamento alla struttura di tutto il sistema.

Primi dati incoraggianti che lasciano ben sperare
Dai primi dati che circolano in rete il provvedimento ha sortito effetti positivi, spaiando un po’ le carte in tutto il mercato assicurativo, nei primi dodici mesi presi in considerazione infatti la mobilità degli italiani è sicuramente incrementata (circa il 4%) nel 2013, di seguito riportiamo alcuni dati presentati in una ricerca relativa proprio all’abolizione del tacito rinnovo:
– rispetto al 2012 nel 2013 1,7 milioni di Italiani in più hanno sono passati ad una diversa compagnia assicurativa
– gli Italiani dallo scatto dell’abolizione del tacito rinnovo delle polizze rc auto e moto hanno avuto un netto risparmio sul prezzo delle polizze pari al 35%
– il risparmio tradotto in denaro è stato pari a circa 300 milioni di euro

I vantaggi apportati dall’abolizione del tacito rinnovo
Grazie al provvedimento i consumatori italiani hanno potuto beneficiare anche di alcuni vantaggi importanti, in primis hanno avuto a disposizione una maggiore scelta di prodotti assicurativi, potendo contare sulla estrema libertà di passare dall’una all’altra.
Le compagnie assicurative a questo punto hanno dovuto adeguarsi per essere più competitive sul mercato, questo ha favorito ulteriormente i consumatori che hanno potuto beneficiare di prezzi riveduti e corretti proprio per essere più “appetibili”.
Non finisce qui, come auspicato in più occasioni dall’IVASS, la consapevolezza ed il livello d’informazione dei consumatori italiani è cresciuto sensibilmente grazie all’uso dei comparatori di offerte online che si è reso necessario proprio per la moltiplicazione delle polizze proposte dalle compagnie assicurative.

R&B consulting formazione IVASS OAM news

R&B consulting formazione IVASS OAM news

VN:F [1.9.22_1171]

Quanto ti è stato utile questo contenuto?

Rating: 0.0/10 (0 votes cast)

Lascia un commento